Diritto allo studio: testi scolastici gratuiti o semigratuiti

La Regione Puglia ha anticipato la richiesta di benefici per la fornitura di libri di medie e superiori: le famiglie con un reddito Isee che non supera 10.632,94 euro dal 14 luglio al 20 luglio prossimo potranno presentare domanda online

“Tutti devono avere la possibilità di studiare: con noi nessuno viene lasciato indietro”, afferma l’Assessore regionale all’Istruzione, Formazione, Lavoro, Sebastiano Leo,  “Quest’anno l’avviso è partito in anticipo perché è importante che i nostri studenti e studentesse siano in possesso dei libri scolastici già dal primo giorno di scuola”.

La Regione Puglia ha anticipato la tempistica relativa alle richieste di benefici per la fornitura di libri testi scolastici a titolo gratuito o semigratuito. Ne hanno diritto le studentesse e gli studenti, residenti in Puglia, che nell’anno scolastico 2019/2020 frequenteranno le scuole secondarie di 1° e 2° grado, statali e paritarie, il cui nucleo familiare abbia un reddito Isee non superiore ad 10.632,94 euro. Le domande possono essere presentare dai genitori (in caso di minori) entro e non oltre le ore 14 del 20 luglio prossimo.

“Lavoriamo per rendere sempre più efficiente il sistema d’istruzione e formazione pugliese, in quest’ottica anche l’ottimizzazione della tempistica è un aspetto sicuramente non secondario. Il principio della scuola aperta a tutti, costituzionalmente garantito, passa anche dalla fornitura gratuita dei libri di testo per i giovani provenienti da famiglie bisognose che, tanto più se capaci e meritevoli, hanno diritto di vedere realizzati i loro talenti. Una società civile deve sostenere il diritto allo studio dando i mezzi a chi non ne ha”, prosegue nella nota l’Assessore Leo.

Le istanze dovranno essere inoltrate unicamente per via telematica, attraverso la procedura on-line attiva sul portale www.studioinpuglia.regione.puglia.it  alla sezione Libri di testo anno scolastico 2019/2020.

Per assistenza sull’utilizzo della procedura telematica, sul portale www.studioinpuglia.regione.puglia.it sarà attivo un canale Assistenza e Supporto Tecnico. Sarà possibile ricevere assistenza da un Help Desk Tecnico telefonando allo 080 8807404, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 18; inviando una email ad assistenza@studioinpuglia.regione.puglia.it oppure con la chat online, per tutta la durata di attivazione della procedura di compilazione e invio delle istanze. 

Ulteriori informazioni riguardanti l’Avviso si potranno ottenere inviando consultando il sito www.studioinpuglia.regione.puglia.it, inviando   una mail a info@studioinpuglia.regione.puglia.it o chiamando il numero telefonico 080 5404040.

Il sistema informatico di presentazione delle istanze acquisirà i dati sull’Isee direttamente dalla Banca dati dell’Inps, pertanto al momento della presentazione dell’istanza è necessario che per il nucleo familiare sia già disponibile nel sistema Inos una attestazione Isee valida. I Comuni erogano il beneficio agli aventi diritto nella forma di comodato d’uso, oppure di buoni libro oppure rimborso delle spese sostenute, in applicazione delle disposizioni ministeriali e dei criteri approvati con delibera di Giunta regionale 2278/2018. Il riconoscimento del beneficio è preceduto dalla verifica della residenza dello studente o della studentessa, della frequenza scolastica, della verifica dell’effettiva spesa sostenuta nel caso di erogazione di rimborso delle spese. Responsabile del procedimento è la dirigente regionale della sezione “Istruzione e Università”, Maria Raffaella Lamacchia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mesagne, al via corsi di formazione gratuiti per qualifiche nel settore dell'agricoltura

  • Meccatronico, al via i corsi per under 30: cinquanta posti disponibili

  • Latiano, corsi gratuiti per zootecnia e operatori museali

  • La famiglia Pugliese porta la vendemmia nelle scuole

  • Mesagne, raddoppiate a sei mesi le borse lavoro per i cittadini svantaggiati

  • Francavilla Fontana, il primo diario finanziato dal Comune

Torna su
BrindisiReport è in caricamento