Green

Bandiera arancione: Cisternino capitale d'Italia per un giorno

Cisternino capitale d’ Italia Bandiera Arancione per un giorno. Nel  borgo brindisino ieri si sono riuniti sindaci ed amministratori  provenienti da diverse regioni della Penisola

CISTERNINO - Cisternino capitale d’ Italia Bandiera Arancione per un giorno. Nel  borgo brindisino ieri si sono riuniti sindaci ed amministratori  provenienti da diverse regioni della Penisola. La sala consiliare di  Cisternino ha ospitato infatti rappresenti dei centri di Liguria,  Toscana, Marche, Lazio , Molise, Abruzzo, Campania, Puglia, Basilicata e  Calabria che aderiscono all’associazione nazionale Paesi Bandiera  Arancione. Dopo il benvenuto del sindaco di Cisternino Donato Baccaro, i  lavori dell’assemblea sono stati coordinati da Fulvio Gazzola ,  presidente dell’associazione, nonché sindaco del comune di Dolceacqua  (Imola) e dal vice presidente e coordinatore regione Marche, Giuliano  Ciabocco.

“E’ stata una giornata speciale per la nostra comunità: l’aver  potuto ospitare numerosi primi cittadini di ogni parte d’ Italia ci  rende orgogliosi. Questo evento ha permesso di far conoscere come  il  nostro territorio – sottolinea Donato Baccaro- stia crescendo attraverso  attività di accoglienza e promozione incentrate su uno sviluppo  sostenibile”.

Tra gli argomenti discussi durante il direttivo gli eventi  futuri dell’associazione, ad iniziare dall’importante appuntamento del  14 e 15 maggio prossimo nel Castello Sforzesco di Milano, dove in una  manifestazione organizzata  dal Tourign Club, ci sarà la promozione dei  prodotti tipici dei paesi Bandiera Arancione.  A giugno, poi,  l’associazione verrà presentata anche fuori dai confini nazionali: ci  sarà, infatti,  una rassegna a Cagnes-sur- Mer , un centro poco distante  da Nizza. Il Marchio Bandiera Arancione è insignito ai comuni  dell’entroterra Italiano, sotto i 15.000 abitanti, che rispecchiano gli  oltre 300 requisiti di Qualità Turistico-Ambientale previsti dal  protocollo di analisi.

Attualmente  sono 213 i Comuni Italiani  che  hanno ottenuto questo prestigioso riconoscimento (meno dell’10% dei  Comuni candidati). “Nella nostra seppur breve visita abbiamo potuto  notare la qualità dell’offerta turistica di Cisternino , a partire dalla  pulizia del territorio. E’ sicuramente questa –ha dichiarato Fulvio  Gazzola- la strada giusta per questi comuni, soprattutto per i giovani  che possono essere indirizzati verso questa nuova economia. Cisternino  ha tutti i requisiti per essere un buon centro Bandiera Arancione”.  

Durante il suo intervento il presidente ha, inoltre, sottolineato anche  la necessità di fare rete tra questi piccoli centri, già notevolmente  apprezzati, soprattutto in vista della partecipazione ai bandi  comunitari, necessari per continuare i percorsi di crescita e promozione  dei comuni Bandiera Arancione.  Nel pomeriggio di ieri poi c’è stato  nella sala consiliare, un incontro con sindaci ed amministratori dei  comuni Bandiera Arancione del Centro Sud d’Italia alla presenza dei  Responsabile del Touring Club Italiano, ente certificatore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bandiera arancione: Cisternino capitale d'Italia per un giorno

BrindisiReport è in caricamento