Brindisi, Tuturano, S.Pietro: cittadini a lavoro per rimuovere rifiuti

La mattinata di domenica 13 ottobre a Brindisi, Tuturano e San Pietro Vernotico, gruppi di cittadini virtuosi hanno tirato a lucido luoghi pubblici che versavano in stato di degrado

BRINDISI – C’è chi con la bella giornata di ieri è andato al mare a prendere il sole e fare “l’ultimo bagno”, chi si è dedicato alle gite fuori porta approfittando dei Monumenti aperti per le Giornate del Fai e chi, invece, si è rimboccato le maniche e, armato di guanti e sacchi, ha ripulito parchi, piazze e spiagge dalla spazzatura. La mattinata di domenica 13 ottobre a Brindisi, Tuturano e San Pietro Vernotico, gruppi di cittadini virtuosi hanno tirato a lucido luoghi pubblici che versavano in stato di degrado.

Iniziative queste che non possono che fare bene all’Ambiente e alla Salute pubblica e che dovrebbero moltiplicarsi e andare oltre bandiere e colori politici e unire tutti per il bene di tutti. Senza aspettare le “giornate nazionali” dedicate all’Ambiente. A prescindere dalle responsabilità di chi è pagato per pulire, puntando il dito solo nei confronti di chi sporca, di chi non utilizza cestini e cassonetti e non rispetta i calendari di ritiro (a domicilio) dei rifiuti. Ed è con questo spirito che l’associazione “Puliamo il mare di Brindisi”, il comitato “Fr/Azione Tuturano” e l’Asd “Dialetto sampietrano” di San Pietro Vernotico, organizzano eventi green dedicati alla pulizia dei luoghi pubblici e soprattutto alla sensibilizzazione per il rispetto dell’Ambiente. Perché è inutile sottolinearlo se nessuno sporca le strade, i parchi o le spiagge e le campagne, non c’è bisogno di pulire.

Brindisi

A Brindisi da qualche tempo a cadenza regolare l’associazione “Puliamo il mare di Brindisi”, si occupa degli arenili. Sono numerose le iniziative organizzate per rimuovere i rifiuti e i materiali plastici dalle spiagge. Ieri, domenica 13 ottobre, un numeroso gruppo di volontari ha liberato dalla spazzatura il tratto di costa sito in località Case Bianche. In collaborazione con le ditte Multiservizi ed Ecotenica che si sono occupate di fornire sacchi e smaltirli una volta riempiti, hanno reso fruibile un bel tratto di spiaggia.

“Operativi da solo 1 ora e già raccolti 32 sacchi di rifiuti...il cambiamento deve partire da noi stessi e non aspettarsi nulla mai dagli altri”. E’ il post che commenta una fotografia che mostra decine di sacchi neri accatastati a ridosso dalla carreggiata. In totale sono stati riempiti 150 sacchi, oltre trenta quintali e hanno partecipato più di 50 volontari, molti alla prima esperienza. Soddisfatti gli organizzatori.

Tuturano

Nella frazione di Tuturano, invece, a scendere in campo il comitato “Fr/Azione Tuturano” che conta 40 tesserati di cui 10 soci fondatori, “movimento culturale concepito per essere uno strumento di auto-organizzazione nella società civile e consentire la più ampia partecipazione dei cittadini”, che da qualche tempo si occupa anche di Ambiente.

“Il cambiamento deve venire dalle nostre mani e dal nostro cuore. Curiamo, sensibilizziamo, vedrete che poi un paese pulito piace a tutti”, si legge in uno dei tanti post che annunciano le iniziative ecologiche. Dopo la zona antistante il campo sportivo e altre strade ieri si sono diretti al parco Martin Richard, che porta il nome del bambino morto nell'attentato di Boston nel 2013. Area verde completamente in degrado.

“Anche questa domenica siamo operativi! Vogliamo farvi capire che una Tuturano più pulita è un paese più bello! Stiamo ripulendo il parco da lattine, cartacce, vetri rotti. Le aiuole accanto sono piene di rifiuti, abbiamo riempito interi sacchi, differenziando. Non possiamo ignorare il fatto che questa situazione è colpa della nostra incuria e inciviltà. Non facciamo tutto questo per togliere lavoro a qualcuno o per sostituirci a Ecotecnica o Multiservizi. Lo facciamo per farvi capire che il posto di una lattina non è in un cespuglio o in un prato o accanto una giostrina per bambini. Se quei rifiuti non fossero lì non avremmo bisogno di toglierli. Utilizzate i cestini a disposizione, siate coscienziosi e iniziate anche voi a cercare e creare bellezza”, hanno scritto gli organizzatori.

San Pietro Vernotico

A San Pietro Vernotico, invece, domenica 13 ottobre, i volontari dell’Asd Dialetto Sampietrano si sono dedicati alla pulizia del parco giochi di piazza Domenico Modugno, in via Brindisi. L’unico parco del paese. Sempre pieno di bambini e sempre sporco.

Sono stati riempiti 8 sacchetti di immondizia, raccolte travi di legno con chiodi, e uno specchio rotto. Il parco giochi di piazza Modugno, purtroppo spesso è anche meta di giovani teppisti e vandali. Non è solo sporco ma anche pericoloso a causa dei danneggiamenti di alcuni giochi a opera di incivili.

I volontari dopo l’attività hanno affisso locandine colorate che recitano “Noi lo abbiamo pulito. E tu? Non lo sporcare”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Bimba nata morta all’ospedale Perrino”: denuncia dei genitori

  • Una domenica con la bomba: quasi tutta Brindisi evacuata

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Maltempo: scuole chiuse a Brindisi a in altri Comuni della provincia

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Forti raffiche di vento: alberi sradicati, interventi in provincia

Torna su
BrindisiReport è in caricamento