menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Delegazione internazionale in visita di studio a Torre Guaceto

Torre Guaceto ha ospitato una delegazione formata da rappresentanti di associazioni per la tutela dell’ambiente e la promozione del territorio e del turismo sostenibile provenienti da Israele, Palestina, Tunisia, Grecia e Olanda

TORRE GUACETO - Su input del circolo Legambiente di Trani, il Consorzio di gestione dell’Area marina protetta di Torre Guaceto ha ospitato una delegazione formata da rappresentanti di associazioni per la tutela dell’ambiente e la promozione del territorio e del turismo sostenibile provenienti da Israele, Palestina, Tunisia, Grecia e Olanda.

Il progetto realizzato da Legambiente all’interno del programma “Erasmus +” è una study visit nell’ambito del progetto “Human Landscapes” finalizzato alla conoscenza del territorio pugliese attraverso la scoperta di aree protette virtuose e realtà integrative di collaborazione tra cooperative di migranti e salvaguardia della natura.

Arrivati a Torre Guaceto, i delegati hanno visitato il Centro Recupero Tartarughe Marine “Luigi Cantoro” una delle cinque cliniche pugliesi autorizzate al recupero e alla cura di esemplari di questa specie, e visitare la innovata torre aragonese ed il suo allestimento museale, grazie al quale hanno scoperto la storia della Riserva.

Successivamente c’è stato l’importante incontro con i pescatori professionisti autorizzati. Evento prioritario per la conoscenza della Riserva. Qui, infatti, come in pochissime altre realtà italiane, gli artigiani non combattono contro l’area protetta ed i limiti imposti dalla tutela dell’ambiente e dei suoi animali, anzi, sono attori nella gestione del patrimonio naturalistico e sostengono la necessità di ampliamento dei limiti dell’Area Marina Protetta. Testimonianza ne è anche il protocollo sottoscritto tra le parti pochi mesi addietro per un’ulteriore riduzione dello sforzo ittico pari al 40%.

Collaborazione di fondamentale importanza se si tiene conto del fatto che non esiste alcuna legge nazionale che disciplini la pratica della pesca. Tanto è che oggi, all’interno del progetto Cap Salento illustrato alla platea da Marcello Longo consigliere Slow Food, il modello ideato a Torre Guaceto è in via di replica in altre aree protette pugliesi come quelle di Porto Cesareo e Ugento.

Successivamente, la delegazione ha incontrato alcuni dei produttori di vino, pomodoro fiaschetto e olio della Riserva, Agricole Vallone e Pietrasanta. Tutti produttori bio e in conversione. Anche in questo caso, persone molto intelligenti ed amanti del territorio. Grazie ai loro sforzi e all’impegno in tema di sensibilizzazione in tema di sostenibilità ambientale e al sistema premiante adottato dal Consorzio, negli ultimi 10 anni i terreni agricoli della Riserva sono passati da una percentuale di coltivazione bio pari a zero, al 30 per cento attuale.

E non solo, oggi Torre Guaceto porta in alto il proprio nome nel mondo anche grazie ai prodotti di qualità delle aziende che qui operano che non solo fanno parte della comunità del presidio Slow Food del pomodoro fiaschetto, ma godono anche dell’assegnazione del marchio “Oro del Parco” che certifica l’olio prodotto in Riserva.

A seguire, c’è stato l’incontro con gli operatori turistici della cooperativa Thalassia che opera a Torre Guaceto, coloro che accompagnano gli utenti alla scoperta della Riserva e grazie ai quali si insegna alla gente quanto sia più bello abbracciare un albero piuttosto che sradicarlo, quanto sia più gratificante camminare a piedi in natura, piuttosto che in auto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento