Macchia mediterranea devastata dai rifiuti: scempio sul litorale

Discarica abusiva in una zona boschiva fra lo stabilimento balneare dei vigili del fuoco e l'ex lido poste

BRINDISI – L’immagine di un crocefisso pende da un ramo, quasi a voler dare un tono di sacralità a un luogo devastato dall’inciviltà. Se si pensa a un oggetto di qualsiasi tipo, ci sono buone possibilità di trovarlo sul tratto di litoranea compreso fra la spiaggia libera dell’ex lido Poste e lo stabilimento balneare dei vigili del fuoco, in località Punta Penne. 

Una zona boschiva puntellata di tamerici costeggia la strada provinciale 41, lato mare. A pochi metri dal bordo della falesia, fra una radura e l’altra, i rifiuti spuntano come funghi. Si trova davvero di tutto in mezzo alla macchia mediterranea: piatti, giocattoli, coperte, scatole, giocattoli, mobili, tubi, persino l’insegna di un salone per capelli. La lista potrebbe andare avanti ancora a lungo. Gli inquinatori sono abituali frequentatori di questo angolo di litorale. Protetti dalla vegetazione, agiscono indisturbati, arrecando un danno incalcolabile all’ambiente. 

Potrebbe interessarti

  • L’albicocca, antico frutto della fertilità

  • Come riparare le piante dal caldo estivo e dal sole

  • Librerie fai da te: alcune idee

  • Yogurt: dalla Mesopotamia di 3000 anni fa

I più letti della settimana

  • Accoltellamento mortale dopo furibonda lite tra consuoceri

  • Auto fuori controllo sulla provinciale: un uomo perde la vita

  • Aste giudiziarie, pressioni e minacce ai partecipanti: quattro arresti

  • Trovato alla guida di un trattore rubato del valore di 50mila euro: arrestato

  • Sulla pista dei furti di trattori: arrestato un allevatore

  • L'ammiraglio difende la Marina: "In Libia ci siamo. Il problema: i trafficanti"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento