Fasano. Via Francigena e Gravina di San Donato: approvati due provvedimenti per lo sviluppo turistico

Il consigliere Palmariggi: "La loro valorizzazione arricchirà la nostra offerta turistica e culturale"

FASANO -  L'Amministrazione comunale di Fasano ha approvato due provvedimenti per lo sviluppo turistico del territorio e della sua fruibilità da parte di cittadini e viaggiatori. Si tratta dell'adesione del Comune all’associazione europea delle Vie Francigene e della valorizzazione, manutenzione e fruizione della Gravina di San Donato a Selva di Fasano con il supporto del comitato per la festa di San Donato. In particolare, l’adesione all’associazione europea delle Vie Francigene vedrà il percorso dell’antica via Traiana, che ricade all’interno del territorio comunale, dotarsi di un marchio ufficiale, di una segnaletica stradale per la creazione di percorsi di trekking riconosciuti e sicuri e di strategie di promozione a livello europeo. Mentre la Gravina di San Donato è un luogo di interesse naturalistico, storico e ambientale e presenta caratteri di assoluta originalità grazie al suo percorso e alla cappella rupestre con l’altare e gli affreschi. 

Il consigliere comunale delegato alla promozione del territorio, Pierfrancesco Palmariggi, esprime apprezzamento e soddisfazione: "Sono provvedimenti importanti e attesi per i quali sento di ringraziare particolarmente il sindaco Francesco Zaccaria, gli assessori Cinzia Caroli e Gianluca Cisternino e le tante associazioni che nel tempo si sono prodigate per questi obiettivi. Due provvedimenti strategici che vanno nella stessa direzione: consegnare a cittadini e operatori nuovi attrattori turistici di immenso pregio storico, culturale e paesaggistico, e arricchire il ventaglio di proposte culturali del territorio. Sono segnali di una volontà precisa della nostra amministrazione che, aderendo alle pianificazioni regionali e nazionali in ambito turistico, vuole perseguire i valori dello sviluppo sostenibile, per la destagionalizzazione e lo sviluppo dell'entroterra, così ricco di elementi pregiati da rappresentare una valida alternativa al turismo balneare, a vantaggio di nuove forme di turismo meno impattanti e più legate alla conoscenza del territorio, come il turismo lento, quello dei cammini, apprezzato e diffuso ormai in tutto il mondo"

"La loro valorizzazione e la loro fruibilità rappresentano un passo importante anche per la strategia di promozione del nostro territorio - conclude il consigliere Palmariggi - e ci consente di ampliare l’offerta turistica della nostra città, adeguandola ai nuovi trend della domanda turistica. I viaggiatori, infatti, sono sempre più attenti alla conoscenza delle tipicità locali, alle bellezze nascoste da scoprire in modo diverso, a piedi, in bicicletta o con altri mezzi con minimo impatto ambientale. Allo stesso tempo tutto questo incentiverà nuovi sistemi di offerta e nuove forme di economia". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • La Puglia passa in zona gialla: cosa cambia fino al 21 dicembre

  • Sulla superstrada senza assicurazione e con targhe rubate: inseguimento

  • Coronavirus, risalgono i nuovi positivi e il numero dei decessi

  • Festa di compleanno senza mascherine, ma con petardi: 11 denunce

  • Auto si ribalta e finisce nelle campagne: spavento per una ragazza

Torna su
BrindisiReport è in caricamento