La storia di Cohiba, la tartaruga con gli occhi chiusi e il sogno di ridarle la vista

E' affetta da una brutta congiuntivite con una infezione batterica ed ha un’importante infiammazione

TORRE GUACETO - Cohiba è una Caretta caretta recuperata dal personale del centro recupero tartarughe marine di Torre Guaceto nell’estate 2018.  E’ una femmina adulta in età riproduttiva. Sembrerà strano che ad un anno e mezzo dal recupero, questa tartaruga sia ancora in cura, ed effettivamente è una circostanza straordinaria. 

Al momento del salvataggio, ad Ostuni, Cohiba era sottopeso, aveva profonde lesioni sul carapace e non apriva gli occhi. La piccola è stata sottoposta a tutte le cure del caso e, con il tempo, ha messo su peso e le ferite sono guarite. 

Solo un problema è rimasto immutato, gli occhi, Cohiba non li ha mai aperti, le secrezioni non si sono mai fermate ed è stato rilevato un edema palpebrale.  Da qui, sono iniziati una serie di accertamenti, dei quali i primi sono stati donati a Torre Guaceto dal Wwf Brindisi che, nel corso dei campi estivi organizzati in Riserva, aveva raccolto le donazioni degli utenti. 

salvataggio caretta caretta2-2

Nello specifico, gli esami ai quali è stata sottoposta Cohiba servivano a capire cosa stesse accadendo ai suoi occhi, se la problematica derivasse propriamente da essi o dalle ghiandole del sale. Nel dettaglio, le tartarughe marine sono dotate di due speciali ghiandole, dette ghiandole del sale, che servono ad aiutare i reni degli esemplari ad espellere i sali in eccesso che assorbono in acqua e a proteggere l’occhio, quando l’animale emerge dal mare per nidificare. 

Sottoporre una tartaruga marina ad accertamenti come quelli che si sono resi necessari per Cohiba non è semplicissimo. Ciò perché gli anestetici locali non hanno alcun effetto su questi animali.  

salvataggio caretta caretta1-2

Per questo motivo, Cohiba è stata sottoposta ad un’anestesia generale di breve durata ed il Consorzio si è avvalso del prezioso contributo di un’equipe specializzata composta dal veterinario dell’ente, Simona Soloperto, ma a anche di un medico esterno esperto della cura degli animali acquatici, Brandon Spolander. 

Gli esami hanno dato un risultato negativo ed uno molto positivo. Cohiba è affetta da una brutta congiuntivite con una infezione batterica ed ha un’importante infiammazione, ma la buona e fondamentale notizia è che gli occhi ci sono e sono “sani”. 

salvataggio caretta caretta3-2

A questo punto, è iniziata la terapia che, per almeno qualche mese, vedrà il personale del Consorzio impegnato nella somministrazione di svariati colliri, più volte al giorno. Esercizio non facile se si tiene conto del fatto che i farmaci fanno somministrati fuori dalla vasca di degenza e che Cohiba pesa ben 45 chili. 

Non si ha la certezza che, a terapia conclusa, Cohiba tornerà finalmente ad aprire gli occhi, forse bisognerà fare ulteriori esami e provare altre terapie. Purtroppo è troppo presto per fare pronostici di guarigione, quel che è certo è che il Consorzio di Torre Guaceto percorrerà ogni strada possibile per permettere a Cohiba di tornare a vedere. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Traffico internazionale di sostanze stupefacenti: nove arresti

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • Covid-19, anche un ricercatore di Francavilla a caccia della cura

  • Appropriazione indebita: 31 auto sequestrate dalla polizia a Brindisi

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

Torna su
BrindisiReport è in caricamento