life Carovigno

Trovate le uova di un raro volatile presso l'oasi di Torre Guaceto

Per la prima volta il l cavaliere d'Italia, volatile raro e protetto da leggi internazionali, mette su famiglia nella riserva di Torre Guaceto. Si tratta di una specie nota presso all'interno dell'oasi, ma la vera novità è giunta oggi (21 giugno)

CAROVIGNO –  Per la prima volta il l cavaliere d’Italia, volatile raro e protetto da leggi internazionali, mette su famiglia nella riserva di Torre Guaceto. Si tratta di una specie nota presso all’interno dell’oasi, ma la vera novità è giunta oggi (21 giugno). Il personale della Riserva ha scoperto un nido appartenente ad una coppia di cavalieri d’Italia e contenente 4 uova.

Himantopus himantopus, questo animale appartiene all’ordine dei Caradriformi e al sottordine dei Limicola, cioè a quelle specie che vivono in luoghi palustri e si nutrono degli insetti raccolti nel limo. Il cavaliere d’Italia ha zampe e becco lunghi e livrea bianca con ali nere. Costruisce il nido nel limo radunando rametti e sassolini. Depone da due a quattro uova a covata. 

8322870-2

Si tratta di una specie nota presso all’interno dell’oasi, ma la vera novità è giunta oggi. Il personale della Riserva ha scoperto un nido appartenente ad una coppia di cavalieri d’Italia e contenente 4 uova. È la prima nidificazione di questo tipo a Torre Guaceto, un risultato eccezionale se si considera che ciò è avvenuto a seguito della realizzazione dei chiari d’acqua, progettati appositamente per il benessere degli animali e poiché nella Riserva non erano presenti habitat con simili caratteristiche.

3890039-2

Questo uccello è un animale migratore, sverna in Africa e nidifica a nord del Mediterraneo. E’ una specie rara e tutelata dalla direttiva uccelli (79/409/CEE).  Per permettere agli animali migratori di trovare un luogo in cui poter riacquistare le forze necessarie al viaggio e alla fauna stanziale di poter contare sulla presenza di un luogo sicuro in cui poter vivere e riprodursi, nel 2007 il Consorzio di Gestione di Torre Guaceto ha realizzato un imponente progetto con il quale ha creato gli acquitrini, altrimenti detti, chiari d’acqua, oggi presenti in Riserva. E gli animali sembrano aver gradito. 

Infatti, ormai da anni il cavaliere d’Italia viene intercettato a Torre Guaceto, quando, durante le sue lunghe traversate raggiunge gli acquitrini della Riserva per rifocillarsi e riprendere le forze prima di raggiungere nuovamente la forma fisica ideale per tornare in volo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovate le uova di un raro volatile presso l'oasi di Torre Guaceto

BrindisiReport è in caricamento