menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Muro tenente, inaugurazione del Parco dei Messapi

Cerimonia di apertura l'8 aprile prossimo alle 9,30. L'area oggetto di un interventi di recupero e valorizzazione

MESAGNE - Si terrà domenica 8 aprile 2018 presso il sito archeologico di Muro Tenente, l’inaugurazione del nuovo parco dei Messapi, recentemente oggetto di un importante intervento di recupero, valorizzazione e fruizione finanziato nell’ambito dell’accordo di programma quadro rafforzato “Beni e Attività Culturali”.

MT18_MUSEUM_THEATRE-2

L’evento inaugurale darà avvio al programma di fruizione dal titolo Archeofest 2018, in corso di redazione da parte del Comitato Scientifico di Gestione, partecipato dai due Comuni titolari dell’area, dalla Soprintendenza, dalla Libera Università di Amsterdam e dall’Università del Salento. Fra la primavera e l’autunno 2018 sono previste una serie di iniziative legate all’archeologia, allo sport, al teatro, alla musica e al tempo libero in genere, allo scopo di garantire una fruizione allargata a tutte le comunità locali e, contemporaneamente, aperta al turismo.

La mattina dell’8 aprile, a partire dalle 9,30, dopo aver gustato un ottimo caffè all’interno del Parco Archeologico ed aver assistito alla cerimonia di inaugurazione, le famiglie avranno l’occasione di far partecipare i propri piccoli ai laboratori didattici di archeologia appositamente predisposti dagli archeologi della cooperativa Impact, o partecipare alla dimostrazione di tiro con l’arco offerta dall’associazione Arcieri Liberi di Mesagne, il tutto al suono del jazz dei Train Manouche. Contemporaneamente, i visitatori avranno la possibilità di fruire delle visite guidate e di assistere ad un living history dal titolo “Un giorno in casa dei Messapi”, una rievocazione di momenti di vita quotidiana in una casa messapica di età ellenistica. Il programma prevede l’apertura pomeridiana del Parco con visite guidate fino alle 18.

MT18_LIVING_HISTORY-2

L’area attualmente destinata al Parco Archeologico (estesa su oltre 30 ettari), è organizzata attorno ad una struttura dedicata ai servizi di prima accoglienza, dalla quale prende avvio un sistema di sentieri (un percorso di circa 2,5 chilometri) scandito da numerosi punti di interesse (scavi archeologici, torre panoramica, aule all’aperto, spazi land art etc.) attrezzati con pannelli descrittivi. Il Parco si presta in maniera straordinaria ad attività didattiche, Museum Theatre e Living History anche grazie alla presenza di una vera e propria casa messapica completamente riedificata sulle fondamenta di una struttura abitativa del III secolo avanti Cristo.

"Il Progetto Muro Tenente può essere considerato un progetto pilota -senza paragoni in tutto il resto della regione - che vede due comuni limitrofi, due istituti di ricerca e un organo periferico del Mibact, lavorare in sinergia con un solo obiettivo: tutelare, valorizzare e mettere a disposizione delle comunità locali un’area archeologica unica e dal potenziale culturale straordinario",  hanno dichiarato in una nota congiunta Pompeo Molfetta, sindaco di Mesagne;  Cosimo Maiorano, sindaco di Latiano; Maria Piccarreta, soprintendente di Brindisi, Lecce e Taranto;, Gert-Jan Burgers, direttore del Parco Archeologico e  Grazia Semeraro dell'università del Salento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento