Brindisi: canile più green con la piantuazione di 45 nuove siepi

È iniziata e si è conclusa oggi, lunedì 21 settembre 2020, la seconda fase della realizzazione del progetto Verde cuore della Lepa

BRINDISI - È iniziata e si è conclusa oggi, lunedì 21 settembre 2020, la seconda fase della realizzazione del progetto Verde cuore della Lepa. Lega Protezione Animali di Brindisi con la piantumazione di 45 siepi Cupressocypariss laylandii nelle aree di sgambamento presenti nel Canile Comunale di Brindisi. Tale realizzazione è stata resa possibile grazie alle donazioni delle tante persone che hanno fortemente creduto e supportato il progetto, alla disponibilità del Comune di Brindisi ad accogliere la richiesta e della BrMultiservizi, gestore del canile, che si occuperà della manutenzione e cura degli alberi, 11 bellissimi Ficus Australis e delle siepi .

Ricordiamo che l'iniziativa è nata dal desiderio di soddisfare quei bisogni naturalmente mai dimenticati, dei tanti cani ospiti della struttura e in attesa di adozione. Le siepi avranno un’azione di frangivento e potrebbero inoltre divenire riparo per i cani più timidi e timorosi.
Continuate a credere in noi e alla possibilità di rendere il canile un luogo temporaneo migliore e più a misura dei nostri amici pelosi.
Ogni cambiamento, che sia una goccia o l'oceano, sarà possibile grazie alle vostre donazioni.

Come donare: Codice IBAN IT43L0760115900000049415292 Codice BIC/SWIFT BPPIITRRXXX Intestato a LEGA PROTEZIONE ANIMALI CAUSALE: “VERDE CUORE”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ballerino Alessandro Cavallo entra nella scuola di "Amici" di Maria De Filippi

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Addio a Fabio D'Aprile: lutto nel basket brindisino

  • Puglia in zona gialla: dagli spostamenti alle aperture di bar, ristoranti e negozi, le regole fino al 15 gennaio

  • Covid: "Vaccinate anche delle persone che non avevano priorità"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento