Giovedì, 21 Ottobre 2021
Green Ostuni

Dune Costiere: progetto contro le specie aliene invasive

Presentato nel villaggi il Pilone il progetto Life Diomedee, in un incontro di sensibilizzazione sulla pericolosità della diffusione di specie aliene invasive all’interno del Parco delle Dune Costiere

Dopo una serie di incontri realizzati on-line nel maggio scorso, nella serata di venerdì 20 agosto, si è svolto nella piazzetta del villaggio turistico residenziale del Pilone un incontro pubblico organizzato dal Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere e dal Consorzio Villaggio San Leonardo per presentare obiettivi e azioni del progetto Life Diomedee di cui il Parco delle Dune costiere è partner. Il progetto Life Diomedee, progetto finanziato dal programma Life Natura dell’Unione Europea, di cui il Parco Nazionale del Gargano è capofila e di cui sono partner anche il Dipartimento di Biologia dell’Università di Bari, la società Nemo - Nature and Environment Management Operators, e l’impresa sociale Patto Consulting, ha l’obiettivo di contenere ed eliminare gli impatti provocati da alcune specie aliene invasive nel Parco Nazionale Gargano e nel Parco Regionale delle Dune Costiere eradicando specie in grado di diffondere e provocare impatti ecologici ed economici significativi. 

Le specie aliene invasive, infatti, sono specie vegetali o animali originarie di altre regioni geografiche volontariamente o accidentalmente introdotte sul nostro territorio, che, per la loro capacità di costituire e mantenere popolazioni vitali allo stato selvatico, costituiscono una delle principali causa di perdita di biodiversità, con gravi ripercussioni agli ecosistemi naturali ed ingenti danni economici. In particolare durante l’incontro, sono state illustrate le azioni del progetto finalizzate a individuare, censire ed espiantare quelle specie vegetali aliene invasive che costituiscono una minaccia per i preziosi habitat naturali presenti nel Parco, per quindi sostituirle con messa a dimora di specie vegetali proprie di quegli habitat, nonché presentati i primi risultati delle azioni di censimento già svolte delle specie aliene invasive all’interno degli habitat costieri del Parco. 

Essendo però tali habitat contigui a villaggi turistico residenziali da cui le specie vegetali aliene possono propagarsi per la presenza di verde ornamentale anche non autoctono, è di fondamentale importanza per l’effettivo raggiungimento degli obiettivi del progetto, il coinvolgimento e la partecipazione attiva dei singoli proprietari privati aderenti ai Consorzi del Pilone, di Torre San Leonardo, cala di rosa Marina e Rosa Marina. Pertanto al termine dell’incontro sono state presentate le modalità di compilazione di una scheda questionario finalizzata a segnalare la presenza di specie aliene invasive nella propria proprietà, nonché ad indicare la propria disponibilità a partecipare ad una azione di sostituzione volontaria di tali specie con specie autoctone grazie al supporto del progetto Life Diomedee con la collaborazione dell’Arif Puglia.

Oltre alle azioni di individuazione, censimento ed eradicazione delle specie aliene presenti all’interno delle aree con presenza di habitat di interesse comunitario, verrà anche attivata una azione di sensibilizzazione e coinvolgimento dei proprietari privati delle aree interne o contermini a quelle del Parco, al fine di incentivare azioni di sostituzione volontaria di specie vegetali aliene con specie vegetali autoctone. Le attività di sensibilizzazione e coinvolgimento dei proprietari privati delle aree interessate dal progetto Life Diomedee nonché con le cooperative di servizi al turismo che operano nel parco, proseguiranno nelle prossime settimane. Per avere maggiori informazioni sul progetto Life Diomedee è possibile scrivere all’indirizzo mail life@diomedee.eu

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dune Costiere: progetto contro le specie aliene invasive

BrindisiReport è in caricamento