menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Foresta Orientale": nuovi alberi al Perrino piantati dagli studenti

Iniziato stamattina il primo intervento, che prevede la piantumazione di 300 alberi tra pini, querce e lecci donati dall’Arif

BRINDISI - Sono iniziate oggi le prime piantumazioni di alberi al quartiere Perrino, in una zona limitrofa l’area SIN di Brindisi, per il progetto “La Grande foresta orientale” voluto dall’assessore Dino Borri insieme all’ufficio Urbanistica e assetto del territorio del Comune di Brindisi.

Per questo primo intervento in cui si pianteranno 300 alberi tra pini, querce e lecci donati dall’Arif, sono stati coinvolti gli studenti delle scuole superiori della città. I ragazzi seguono in una prima fase le lezioni teoriche tenute dai rappresentanti del Fai, Arif, Comune di Brindisi ed Unisalento sulle azioni e gli obiettivi della forestazione urbana orientata alla decontaminazione dei terreni e dell’aria.

Piantumazione alberi rione Perrino, foresta orientale-2

Nella seconda fase sono gli studenti stessi a praticare la piantumazione. Il terreno interessato è stato georeferenziato, ogni coppia di studenti ha le sue coordinate spaziali in cui piantare l’albero, la terra tolta viene posta in un vasetto che riporta il punto preciso della piantumazione e i nomi degli studenti.

I 300 vasetti verranno consegnati all’Arpa per l’analisi chimica, ogni anno verrà fatto un test in ogni piantumazione per seguire l’iter di decontaminazione del terreno. "Il Comune di Brindisi si doterà così di un 'Servizio Foresta' - si legge in una nota del Comune -  per monitorare l’andamento dell’inquinamento. Si tratta di un progetto unico e molto innovativo che sarà un modello utile anche fuori dai nostri confini".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bandiera Blu 2021: ecco le migliori spiagge nel Brindisino

Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento