rotate-mobile
Green San Donaci

Una favola per promuovere il rispetto dell'ambiente: "Il sogno di Luz" arriva a scuola

Gli alunni delle classi IV delle scuole primarie di Cellino San Marco e di San Donaci, hanno ricevuto in dono una copia della favola "il sogno di Luz" di Lucrezia Argentiero. Iniziativa possibile grazie a Cantine Due Palme e Cantina San Donaci

CELLINO SAN MARCO/SAN DONACI - Cantine Due Palme e Cantina San Donaci hanno aderito insieme al progetto #sonoperfettomanessunolosa. Un’iniziativa che sa di generosità e che riguarda Luz, la protagonista di "Il sogno di Luz", la favola illustrata scritta da Lucrezia Argentiero, giornalista e scrittrice pugliese.

Nella giornata di ieri, venerdi 24 marzo, tutti gli alunni che frequentano le classi IV delle Scuole Primarie di Cellino San Marco e di San Donaci, hanno ricevuto in dono una copia della favola, grazie all’importante sostegno delle due aziende che hanno creduto fortemente nel programma di sostenibilità ambientale targato Whynok, il movimento che vuole ridare dignità a frutta e verdura brutta (ma buona) per combattere gli sprechi alimentari.  

L’obiettivo della favola, infatti, è proprio quello di insegnare ai bambini a non mangiare la frutta e verdura inseguendo la bellezza esteriore, ma a essere cittadini consapevoli e rispettosi di un pianeta sempre più fragile e delicato. Un piccolo passo per imparare a non “scartare”, per “abbracciare” e per “risparmiare energia e dare una mano concreta al Pianeta”.

Antonella Maci (event manager Due Palme) e Lucrezia Argentiero (scrittrice)

«Siamo orgogliosi di essere qui e di aver contribuito al progetto di sensibilizzazione contro  lo spreco nei campi, con la favola “Il sogno di Luz”.  Siete il nostro futuro e noi ci teniamo a voi» – ha sottolineato la dott.ssa Antonella Maci, event manager dell’azienda Due Palme di Cellino San Marco, rivolgendosi agli attenti alunni.

«Anch’io avevo un sogno e ne ho ancora tanti da realizzare – ha raccontato ai bimbi il Dott. Marco Pagano, Presidente della cooperativa Cantina San Donaci – Ho creduto nel mio sogno di far diventare importante il nostro vino nel mondo e ci sto riuscendo grazie anche al lavoro di squadra della cooperativa». 

In questa fase storica c’è bisogno di costruire sinergie tra aziende private e scuola.  Contrastare lo spreco alimentare non è solo un fatto di riduzione quantitativa, piuttosto un’opportunità per creare nuovo valore nella filiera economica, nell’inclusione sociale e maggiore consapevolezza nei cittadini. L’obiettivo di Whynok è creare una rete virtuosa di attori che si impegnano sia a informare e sensibilizzare su una problematica che sta diventando sempre più importante come lo spreco nei campi, sia a compiere azioni concrete per avere un impatto diretto con le nuove generazioni. 

«Il fatto che così tante realtà abbiano deciso di accogliere il nostro invito, non fa altro che rafforzare il nostro impegno per portare il contrasto allo spreco alimentare sempre più al centro dell’attenzione e del dibattito», spiegano  le organizzatrici di Whynok.

Ora tocca ai bambini, ai docenti e alle famiglie leggere “Il sogno di Luz” e diffonderne il messaggio. Per cambiare il mondo bisogna essere uniti e una comunità fatta di molti “imprenditori di cuore” non può che essere unita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una favola per promuovere il rispetto dell'ambiente: "Il sogno di Luz" arriva a scuola

BrindisiReport è in caricamento