menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Canale Reale: i reflui di Bufalaria solo per gli usi agricoli"

Il Partito Comunista di Carovigno rivendica l'azione per la bonifica e chiede l'abbandono del progetto di condotta sottomarina

CAROVIGNO – Nelle settimane dell’avvio degli interventi di bonifica del Canale Reale da parte del Consorzio dell’Arneo,  la sezione del partito Comunista di Carovigno torna alla carica sul problema dell’impiego in agricoltura dei reflui del depuratore di Bufalaria, il più moderno degli impianti che scaricano nel canale (è al servizio dei comuni di San Vito dei Normanni, San Michele Salentino e Carovigno, e presto anche delle marine limitrofe), oltre quelli di Ceglie Messapica, Francavilla Fontana e Latiano.

L'instant book di Mosaico e Palmisano sul Canale Reale-2Inoltre, in una nota, il Partito Comunista ricorda anche la propria iniziativa – rivendicandone la funzione di sollecito degli interventi e di denuncia -  condotta in tempi in cui l’attenzione sul degrado ambientale del corso d’acqua naturale era molto bassa e limitata: in un instant book fu raccolto il viaggio effettuato dall’origine del Canale Reale, la fonte di Strabone in un canneto nei pressi di Villa Castelli, alla foce a Torre Guaceto, dal segretario regionale Tonino Mosaico e dall’antropologo Antonio Palmisano, con l’individuazione delle immissioni maggiormente inquinanti accompagnate da prelievi.

Riguardo i reflui depurati di Bufalaria, esiste un accordo tra Regione Puglia, AqP e Consorzio di Torre Guaceto per l’utilizzo di una parte degli stessi per l’irrigazione delle zone agricole nel perimetro della riserva naturale, mentre il resto finirà secondo un precedente progetto in una condotta sottomarina ad Apani e convogliato al largo. Il Partito Comunista considera l’accordo Regione - Acquedotto Pugliese – Torre Guaceto limitativo e discriminatorio nei confronti degli altri coltivatori della zona, e l’immissione in mare un grave spreco, in tempi di desertificazione a abbassamento delle falde freatiche, chiedendo perciò l’abbandono del progetto della condotta sottomarina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Vaccini anti Covid: in campo anche gli odontoiatri pugliesi

  • Attualità

    Sdoganamento in mare, accordo tra Adm e Capitaneria

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento