Assistenza domiciliare: tutte le informazioni utili del comune di Brindisi

Con una guida spieghiamo la differenza tra questa e l’Adi, ossia la tipologia che prevede l’erogazione di prestazioni diagnostico-terapeutiche

Il cittadino anziano (ultrasessantacinquenne) può richiedere il servizio di assistenza per bisogni di tipo socio-assistenziale che comprende prestazioni di:

  • servizio pasti a domicilio (affidamento esterno);
  • accompagnamento presso strutture territoriali;
  • servizio lavanderia (affidamento esterno): ritiro, lavaggio e stiratura di indumenti personali con riconsegna a domicilio.

Come chiedere il servizio

Il cittadino può richiedere il servizio indicando le proprie generalità e l’ubicazione esatta della propria abitazione al fine di permettere all’assistente sociale dell’area di competenza la relativa valutazione. Il cittadino ultrasessantacinquenne può invece rivolgersi direttamente presso la Pua (Porta unica di accesso) sita in piazza Antonino Di Summa oppure rivolgersi al proprio medico curante per ottenere:

  • aiuto e cura della persona (igiene personale);
  • aiuto e supporto alla persona per la gestione della casa (pulizia ambienti, spesa, commissioni esterne, contatti con il medico di base per prescrizioni).

Documenti da presentare

Alla domanda dovranno essere allegati:

  • modello ISEE (reperibile presso qualsiasi C.A.F.);
  • verbale di riconoscimento d'invalidità civile ed eventuale certificato medico attestante lo stato di salute;
  • autocertificazione attestante i redditi esenti da IRPEF e la composizione del nucleo familiare.

Assistenza Domiciliare Integrata (Adi)

L'Assistenza sanitaria domiciliare integrata (ADI) è l'attività organizzata dall’Asl Brindisi mediante contratto di associazione in partecipazione pubblico - privato con il RTI rappresentato dalla cooperativa sociale Onlus "San Bernardo" a.r.l. di Latiano. Tale tipologia di assistenza prevede l’erogazione di prestazioni diagnostico­ terapeutiche presso il domicilio di soggetti/utenti non autosufficienti residenti nella provincia di Brindisi e che sono affetti da particolari condizioni patologiche accertate dal medico di medicina generale o dal pediatra.

Gli utenti che fruiscono del servizio ADI e per i quali è già stato avviato un Piano di assistenza individuale (Pai) dal Distretto socio sanitario competente possono inviare segnalazioni, esprimere pareri sulla qualità o proporre interventi volti ad ottimizzare il servizio direttamente al Re.Co.Ge.

Riferimenti e recapiti: responsabile per la collaborazione gestionale Dr. Antonio Campa, Ufficio c/o Distretto Socio-Sanitario n. 1 - Via Dalmazia n. 3 Brindisi. Tel. 0831 536577

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ballerino Alessandro Cavallo entra nella scuola di "Amici" di Maria De Filippi

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Addio a Fabio D'Aprile: lutto nel basket brindisino

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Puglia in zona gialla: dagli spostamenti alle aperture di bar, ristoranti e negozi, le regole fino al 15 gennaio

  • Covid: "Vaccinate anche delle persone che non avevano priorità"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento