Pronto soccorso pediatrico, guida alle strutture d'emergenza per bambini a Brindisi

Il servizio Scap presso gli ospedali di Brindisi e Francavilla Fontana sarà ripristinato sabato 4 luglio

Il servizio Scap (Servizio di consulenza pediatrica ambulatoriale) è un modello assistenziale svolto dai pediatri di libera scelta e rappresenta un momento importante di integrazione ospedale-territorio: serve a garantire il servizio di consulenza pediatrica, in risposta quindi alle esigenze del territorio, nei giorni prefestivi e festivi dalle 8 alle 20 in prossimità dei Pronto Soccorso.

Il servizio sarà ripristinato sabato 4 luglio e domenica 5 dalle ore 8 alle 20 ogni fine settimana e negli altri giorni prefestivi e festivi presso gli ospedali “A. Perrino” di Brindisi e “Camberlingo” di Francavilla Fontana.

“Da gennaio - spiega Elisabetta Quaranta, tra i coordinatori del Servizio - sono circa duemila  le consulenze effettuate nei due ospedali tra visite e contatti telefonici durante l’emergenza sanitaria. Con la ripresa garantiamo tutte le procedure per limitare il contagio: i piccoli pazienti dovranno essere accompagnati soltanto da una persona e a entrambe verrà misurata la temperatura. I bambini con febbre e sintomi legati al coronavirus non possono accedere negli ambulatori Scap. Per questo prima dell’arrivo è preferibile contattare i medici del Servizio”. 

Numeri di riferimento Scap

Ospedale Brindisi: 0831 537515 (stanza scap, pronto soccorso, ingresso separato)

Ospedale Francavilla F.na: 0831 851227 (ambulatorio Scap)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • Furti in casa mentre i proprietari dormono, paura nelle campagne

  • Sulla superstrada senza assicurazione e con targhe rubate: inseguimento

  • Coronavirus, risalgono i nuovi positivi e il numero dei decessi

  • Festa di compleanno senza mascherine, ma con petardi: 11 denunce

Torna su
BrindisiReport è in caricamento