Vento: mare a forza 9, alberi e muri abbattuti, decine di chiamate

Grecale con raffiche sino a 60 chilometri orari e numerosi interventi dei vigili del fuoco in tutta la provincia

BRINDISI – Venti forti con raffiche di burrasca e mareggiate lungo la costa anche per tutta la giornata di oggi, lunedì 6 gennaio. Resta l’allerta arancione diramata nel pomeriggio di ieri dalla Protezione civile. Disposta la chiusura dei cimiteri di Brindisi e Tuturano. Il vento continua a provocare danni e disagi in tutto il Brindisino. I vigili del fuoco, coadiuvati dai volontari delle associazioni di Protezione civile, stanno lavorando ininterrottamente dalla mattinata di ieri domenica 5 gennaio per rimuovere ostacoli, alberi e rami caduti sulla sede stradale. Sono oltre 70 gli interventi effettuati fino a questo momento, per fortuna tutti senza senza gravi conseguenze.

Mare in tempesta a Brindisi 6gen2020-2

Il vento soffia da nord-est (grecale) e a metà giornata l'intensità media a Brindisi è di 25-27 (46-50 chilometri orari) nodi con raffiche di 32 nordi (circa 60 km/h). Adriatico meridionale a forza 9, con tendnza a 8 sempre da nord. si prevede una attenuazione dell'intensità del vento, che continuerà a spirare dai quadranti settentrionali tra nord e nord-est, nelle giornate di martedì e mercoledì, temperature reali tra i 6 e gli 8 gradi nella giornata odierna.

Sulla San Pietro Vernotico-Torchiarolo nella tarda serata di ieri è caduto un albero sulla carreggiata bloccando il passaggio delle auto. Intervento anche sulla San Donaci-Cellino San Marco per un segnale stradale pericolante. A Ostuni danneggiate le luminarie. A Brindisi gli interventi hanno riguardato alberi e rami caduti sulla sede stradale. Poco dopo mezzogiorno i vigili del fuoco sono stati chiamati in via Egnazia per mettere in sicurezza un muro perimetrale di un condominio abbattuto dal vento, per fortuna non c'erano auto parcheggiate nelle vicinanze. 

muro abbattuto via Egnazia-2

Una decina gli interventi effettuati dai volontari della Protezione civile a Cellino San Marco tra alberi e muri di cinta crollati. Il vento ha completamente divelto circa 50 metri del muro di cinta di un’azienda olearia. In via Oria è caduto un albero di Pino, stesso intervento in Via Montanelli, il tronco ha abbattuto un pezzo di muro perimetrale di una villa non abitata, albero che ha occupato intera sede stradale. Abbattuto un albero in via Pertini in area di proprietà Comunale. Per tutta la nottata hanno operato due squadre del Gruppo Comunale ed una squadra dell'associazione un Cuore per Tutti.

Ondate sulla diga di Bocche di Puglia-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla costa gli effetti maggiori della tempesta, per fortuna soprattutto per lo spettacolo offerto dal mare. A Brindisi le ondate superano la diga di Bocche di Puglia, come spesso avviene con il grecale. Scogliere spazzate dai marosi lungo tutto il litorale della città e della provincia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio Polignano, salgono a 168 i positivi: 5 sono a Villa Castelli e 2 ad Ostuni

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Lecce, shopping nel centro commerciale senza pagare: arrestata una brindisina

  • Chiedono i documenti: poliziotti aggrediti con calci e pugni in stazione

  • Vandali scatenati: appiccati tre incendi nella scuola materna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento