Ztl, residenti su tutte le furie: "Pronti a impugnare il piano di mobilità"

"Il pass per la seconda auto da 30 euro al mese non è valido nella Ztl, assurdo non poter parcheggiare vicino casa"

BRINDISI – Il nuovo piano della mobilità è sempre più indigesto per i residenti del centro storico. Fra i più insofferenti ci sono i cittadini che abitano nella zona rossa e nelle Ztl. Quest’ultimi, in particolare, stanno prendendo seriamente in considerazione l’ipotesi di impugnare al Tar le disposizioni entrate in vigore nella giornata di giovedì (2 dicembre).

Il problema non è tanto l’abbonamento annuo da 90 euro per transitare e sostare, in esclusiva, nelle zone a traffico illimitato. La cosa che fa imbestialire le famiglie residenti nelle Ztl di via Colonne e via dei Del Balzo è che il pass da 30 euro al mese per la seconda auto non è valido nelle Ztl. 

Le lamentele dei dipendenti dell'agenzia delle Entrate e della Regione

“E’ assurdo pagare 30 euro al mese, oltre ai 90 annui per il primo pass – dichiara un residente – senza poter parcheggiare vicino alla proprie Insegne zona rossa via Santi-2abitazione. Questo provvedimento comporterà disagi enormi per chi risiede nella Ztl. Ci auguriamo che ci siano i margini per un ravvedimento da parte dell’amministrazione comunale. Altrimenti dovremo adire le vie legali per tutelare i nostri diritti”. 

Profondo malcontento è stato espresso anche dai residenti della zona rossa: una serie di stradine ad intenso flusso veicolare (piazza Matteotti, via Amena, via Casimiro, in via Filomeno Consiglio, via Ferrante Fornari, via Marco Pacuvio) in cui per la sosta è stata introdotta una tariffa di un euro per la prima ora e di due euro per ogni ora successiva, senza la possibilità di utilizzare il pass. 

Anche in questo, dunque, per i residenti ai ripropone il disagio di non poter parcheggiare vicino casa. Il signor Angelo ha scritto alla redazione di BrindisiReport, dicendo di sentirsi trattato come un cittadino di serie B. “Con la ‘simpaticissima’ zona rossa, che non permette ai residenti di parcheggiare- afferma Angelo - gli stalli per gli abitanti in centro sono diventati veramente risicati”. 

“Se prima uscendo da lavoro alle 16.15 rincasavo dopo 30 minuti – prosegue il cittadino - ora ne impiegherò un’ora in più. Non è possibile che di quei pochi parcheggi blu, la maggior parte debba dividerla con chi viene dagli altri quartieri, nonostante sia stato realizzato un vasto parcheggio in via Del mare, che sicuramente avrà avuto un certo costo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terrore in strada: moglie getta acido addosso al marito, lui è grave

  • Muore soffocato da un pezzo di focaccia

  • Aggredito con l'acido dalla moglie: uomo stabile ma gravissimo

  • Uomo ustionato con l'acido: la moglie ora è accusata di tentato omicidio

  • Bimbo di 10 anni si accascia in strada: un vigilante gli salva la vita

  • Allarme clima: la provincia di Brindisi è quella che si sta riscaldando di più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento