menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vittoria francese al Christmas Match Race 2016 di Brindisi

Troppo lavoro di sabato, quando ha soffiato a 15 nodi, e oggi il maestrale si è preso un po' di riposo concedendo appena 5 nodi ai quattro equipaggi giunti in semifinale. Al francese Maxime Mesnil sono bastati per mettere tutti in riga

BRINDISI – Troppo lavoro di sabato, quando ha soffiato a 15 nodi, e oggi il maestrale si è preso un po’ di riposo concedendo appena 5 nodi ai quattro equipaggi giunti in semifinale. Al francese Maxime Mesnil sono bastati per mettere tutti in riga dopo una sequenza molto combattuta di regate, che nel match racing si chiamano flight, voli. Si è chiusa con il francese sul gradino più alto dell’ideale podio l’edizione 2016 del Christmas Match Race, organizzato dal Circolo della Vela Brindisi, tra auguri con lo spumante (italiano), voli (veri) di cormorani e gabbiani che si godevano la calma di questa domenica di dicembre, strette di mano e pacche sulle spalle tra gente abituata a incontrarsi tra le boe di mezza Europa.

Poi spaghettata e tutti in aeroporto o in auto, molti diretti a casa, altri verso nuovi appuntamenti in barca, come il primo e quarto classificato, Mesnil e Bertheau, che avevano un impegno in Bahrain. Per un match race, of course. Qui a Brindisi, malgrado il calo di vento della seconda giornata, alla fine sono riusciti a giocarsela ugualmente, questa vittoria nella regata di Natale. I J22, le barche che il Circolo della Vela Brindisi mette a disposizione per l’evento (e che sono state utilizzare in ben quattro campionati nazionali e una selettiva europea svoltisi sotto i bastioni di Forte a Mare), sono leggere e veloci, e vanno lo stesso.

Ha vinto chi ha imbroccato le partenze giuste incassando il numero minore di penalità. Il match racing è una specialità molto particolare, con un regolamento tutto suo, e con gli arbitri in acqua, gli umpire (come in Coppa America) che stanno incollati alla poppa dei concorrenti con i loro gommoni, fischiando praticamente tutto, e discutere non solo è sconveniente, ma anche una inutile distrazione. Alla fine, come già detto, Mesnil su tutti, poi Lutha che sabato era molto provato da un virus influenzale, terzo la promessa del match race pugliese e italiano Valerio Galati da Trani, che avendo chiuso le eliminatorie di ieri al primo posto aveva la facoltà di scegliersi l’avversario della seminale, e ha deciso di misurarsi con Antte Luhta.

In fondo aveva ragione, il 23enne studente universitario cresciuto agonisticamente nella sezione di Trani della Lega Navale Italiana, allenato da Michele Ricci. I francesi si sono rivelati tutt’altro che clienti facili. Uno ha vinto, l’altro, Simon Bertheau, si è piazzato quarto. Quinto posto per Ettore Botticini e i suoi compagni di avventure in regata del Circolo Nautico e della Vela Argentario (forte anche lui), sesto per il polacco Piotr Harasimowicz, settimo per Armando Miele che regata con i colori del Circolo della Vela Brindisi, e ottavo per l’equipaggio ravennate guidato da Alfredo Liverani.

Ringraziamento a tutti gli equipaggi da parte del presidente del Circolo della Vela Brindisi, Teo Titi, allo staff tecnico del circolo che si è occupato della logistica della regata, ai giudici di regata guidati da Vito Moretti, e ai due umpire Alfredo Ricci e Adrian Bauder (elvetico). Discorsi in inglese, e nella stessa lingua l’umpire Alfredo Ricci ha rivolto una serie di raccomandazioni agli equipaggi, utili per scegliere sempre la strada giusta in una specialità dove il regolamento è dominante spesso anche rispetto alla tecnica, e nelle relazioni tra equipaggi e arbitri in acqua. Appuntamento a dicembre 2017. Sempre col berretto rosso da Babbo Natale, che Lutha non ha mai tolto. In fondo, si dice che la casa del grande vecchio dispensatore di regali sia proprio in Finlandia. Nota finale, che va a vantaggio dell'immagine della città: indistintamente tutti i team - gli stranieri, in particolare -  hanno sottolineato che tra tutte le regate cui hanno partecipato in giro per il mondo, la Christmas Match Race del  nostro Circolo della Vela é certamente quella meglio organizzata. 

Foto di Vito Massagli e Marcello Orlandini

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento