Domenica, 13 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lotta al tumore al seno: quando a donare è un "Cuore di Donna"

La collaborazione tra il mondo del volontariato e il settore della sanità pubblica spesso crea sinergie di successo. E' il caso dell'Asl di Brindisi che ha potuto raggiungere risultati significativi nel campo della prevenzione

L’Asl di Brindisi ha ricevuto un dono prezioso, un nuovo alleato a favore della prevenzione contro il tumore al seno. L’inaugurazione in via Dalmazia, presso il Distretto Sanitario 1, in occasione della Festa della Mamma, ha visto il classico scoprimento del telo, per un dono davvero di cuore. Si tratta di un ecografo di ultima generazione, del valore di 60mila euro, donato dall’Associazione Cuore di Donna, acquistato grazie ad un contributo dell’Onlus Enel Cuore.

“Cuore di Donna” è una associazione nazionale di volontariato, nata nel 2012 nel bergamasco, che si occupa di prevenzione e lotta al tumore al seno. Molti i gruppi operativi: Bergamo, Brescia, Bari, Milano, Monza, Roma, Sassari, Val Bormida (SV), Legnago (VR) e Brindisi appunto, dove qui conta 25 iscritte.

In rappresentanza dell’Associazione Cuore di Donna, ai microfoni di BrindisiReport, Sabrina Zurlo, referente territoriale per Brindisi, racconta: "Grazie alla nostra associazione siamo riuscite ad avvicinare tantissime donne. Banchetti informativi e controlli gratuiti ci hanno permesso di superare le barriere che spesso le separano dalla prevenzione”.

Nell’ultimo anno sono stati diagnosticati circa 250 tumori e molte delle diagnosi sono frutto del lavoro di sensibilizzazione e informazione svolto dalle associazioni e dai volontari. "Questo strumento ci permetterà non solo di aumentare la quantità dell’ecografie addominali, tiroidee e senologiche - spiega il Dottor Alessandro Galliano, direttore del servizio di Radiologia e Senologia del distretto Sanitario 1 dell’Asl di Brindisi - ma garantirà anche un miglioramento qualitativo".

Dunque, l’Asl di Brindisi, diventa sempre più tecnologica e all’avanguardia. Per raccontare questa evoluzione e i suoi benefici abbiamo intervistato il Dottor Angelo Greco, Direttore del Distretto Sociosanitario dell’Asl di Brindisi: “Spesso gli interventi dei privati, dei volontari e delle associazioni ci permettono di raggiungere traguardi importantissimi in tempi rapidi. La tecnologia garantisce risultati straordinari in tempi ristetti, per questo l’Asl di Brindisi, negli ultimi anni si caratterizza sempre di più per dotazioni tecnologiche".

Si parla di

Video popolari

Lotta al tumore al seno: quando a donare è un "Cuore di Donna"

BrindisiReport è in caricamento