Carovigno, il sindaco Lanzillotti azzera la Giunta: contrasti con il Pd

La decisione ufficializzata venerdì a cavallo tra le dimissioni dell'assessore al Turismo e il Consiglio comunale

Il sindaco di Carovigno Massimo Lanzillotti

CAROVIGNO - Stop agli assessori. Tutti. A Carovigno il sindaco, Massimo Lanzillotti, ha deciso di azzerare la Giunta nel tentativo di sanare i punti di contrasti con alcune forze politiche della coalizione. Tensioni che vanno avanti da tempo e che solo lo scorso venerdì hanno portato il primo cittadino a mettere il punto con l'obiettivo di riprendere l'azione amministrativa con maggiore incisività.

L'atto con il quale vengono azzerate le deleghe a tutti gli assessori è stato protocollato venerdì sera, dopo una riflessione "attenta avvenuta a cavallo tra le dimissioni dell'ormai ex titolare del Turismo, Antonella La Camera e il Partito democratico cittadino, e il consiglio comunale che si è svolto giovedì.

Lo stand-by deciso dal sindaco dovrebbe restare per alcuni giorni. Secondo indiscrezioni il nuovo esecutivo, risultato di un accordo tra le forze e i partiti di maggioranza, potrebbe essere ufficializzato entro la metà della prossima settimana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Notte movimentata: rissa tra giovani e spari contro un'auto

  • Brindisi: i carabinieri scoprono undici furbetti del reddito di cittadinanza

Torna su
BrindisiReport è in caricamento