Politica

"Campioni in chiacchiere, scarsi in fatti: contributi affitti bloccati"

Mentre a Lecce stanno già erogando i contributi affitti conto anno 2013, a Brindisi tutto è ancora fermo. Nelle casse comunali giacciono ancora i 620.000 euro che la Regione ha inviato alla fine di novembre dello scorso anno. Attualmente in municipio si sono incartati in una discussione infinita sulla modalità di erogazione

BRINDISI - Mentre a Lecce stanno già erogando i contributi affitti conto anno 2013, a Brindisi tutto è ancora fermo. Nelle casse comunali giacciono ancora i 620.000 euro che la Regione ha inviato alla fine di novembre dello scorso anno. Attualmente in municipio si  sono incartati in una discussione infinita sulla modalità di erogazione. L’ultima trovata sarebbe quella di imporre ai destinatari del contributo la necessità di attivare un conto corrente bancario, che oltre a dilatare i termini della erogazione,  potrebbe comportare costi aggiuntivi di cui non avvertono certamente il bisogno.

A Lecce, che non si trova certamente dall’altra parte del mondo,  gli assegnatari si dovranno semplicemente recare presso uno sportello bancario, per ritirare il contributo. Tutto estremamente semplice ed immediato. Comunque niente di nuovo rispetto alle lentezze burocratiche del passato, considerato che l’erogazione del contributo affitti relativo all’anno 2012 è stato erogato con 3 anni di ritardo. Colpa certamente della Regione, ma anche del Comune, che in ogni circostanza ha lasciato ammuffire per molto tempo nelle proprie casse il contributo, che la Regione aveva inviato.

La dimostrazione  che in questa città al di là delle ricorrenti, noiose dichiarazioni pubbliche, l’impegno concreto, la considerazione, il senso di solidarietà verso il prossimo in difficoltà, non costituisce certamente una priorità. Cosi mentre in Comune si avvitano su una discussione infinita, che appare per molti motivi senza senso, ci sono uomini, donne e bambini,  che fanno fatica, che non ce la fanno, che vivono la loro vita con grande difficoltà e di cui  a palazzo sembrano non accorgersi.

E’ su queste situazioni, su  questa realtà  si deve concentrare l’attenzione i nostri amministratori, mettendo in atto fatti concreti, accelerando i tempi, fare ogni sforzo per eliminare ogni problema, ogni complicazione burocratica, affinché  dai prossimi giorni le oltre 400 famiglie ammesse al contributo,  possano  finalmente ritirarlo. Come già fanno a Lecce. Non si può continuare a restare indifferenti, a misurarsi con la solidarietà solo con le parole.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Campioni in chiacchiere, scarsi in fatti: contributi affitti bloccati"

BrindisiReport è in caricamento