Sabato, 23 Ottobre 2021
Politica Oria

Oria: il coordinatore dell'Ncd chiede a Pomarico di candidarsi a sindaco

Le divisioni che travagliano la vita pubblica e politica di Oria pesano anche sul Nuovo centro destra, ma il coordinatore provinciale Ciro Argese vuole una svolta, e chiede al sindaco che era stato costretto a cedere di fronte a questi conflitti condizionanti, Cosimo Pomarico, di tornare a correre per la città

ORIA – Le divisioni che travagliano la vita pubblica e politica di Oria pesano anche sul Nuovo centro destra, ma il coordinatore provinciale Ciro Argese vuole una svolta, e chiede al sindaco che era stato costretto a cedere di fronte a questi conflitti condizionanti, Cosimo Pomarico, di tornare a correre per la città. “Nei tre anni di amministrazione Pomarico sono stati risolti tanti problemi che la città aveva da decenni e tante opere sono state programmate, cantierizzate e realizzate, con una maggioranza e  buona parte della macchina amministrativa che remava contro”, ricorda infatti Argese.

“La caduta dell'amministrazione per mano, soprattutto, di alcuni consiglieri della stessa maggioranza dovuta ad una precisa regia che da anni ha affossato Oria per interessi politici esclusivamente personali e la battaglia legale vinta contro il segretario generale del Comune che remava contro, sono la dimostrazione di un vero e proprio miracolo fatto per Oria da Pomarico e dalle persone a lui vicine fino alla fine”, prosegue Argese ricordando il recente passato.

“La strada di Santa'Andrea, il Museo Messapico, il recupero del parco archeologico di via Erodoto, le tre piazze riqualificate oltre a Piazza Lorch per la quale i lavori inizieranno a breve, i progetti in fase di realizzazione di Parco Montalbano, l'apertura dello Iat (ufficio informazione turistica), il riconoscimento di Oria come Bandiera Arancione e città d'arte – riepiloga il coordinatore provinciali del Ncd -  l'apertura dopo anni dei bagni pubblici, il nuovo solaio del palazzetto dello sport, la ristrutturazione della palestra e della scuola per il turismo, la prossima realizzazione della casa dell'acqua, l'assegnazione dei locali di Montalbano all'Oratorio Sing, la chiusura di un contenzioso che consentirà ad Oria di usufruire della video sorveglianza, il mattatoio comunale pronto per essere affidato alla gestione dei privati e il difficile e complesso sblocco di alcune aree edificabili che daranno nuova linfa all'economia locale, sono solo alcuni esempi evidenti dell'opera concreta, disinteressata e onesta di Pomarico”.

Ciro Argese-2“Per questa ragione - conclude Argese - chiedo all'amico Mimino Pomarico, persona perbene, specchiata, con la schiena dritta, ma anche concreta e operosa, di ripensarci, di non lasciare a chi ha affossato Oria per anni, quanto di buono fatto e quanto ancora è possibile fare. Chiedo a Mimino Pomarico di scendere in campo ricandidandosi sindaco con liste pulite, giovani e piene di entusiasmo,  gli chiedo di farlo per Oria e gli oritani, gli chiedo di avere uno scatto d'orgoglio, di passione e d'onore contro coloro che da vent'anni usano il Comune per se stessi, gli chiedo di combattere per il bee della sua amata città. Sarà sicuramente una battaglia difficile e complessa, ma Mimino Pomarico sono convinto non  si tirerà' indietro”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oria: il coordinatore dell'Ncd chiede a Pomarico di candidarsi a sindaco

BrindisiReport è in caricamento