menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Consales

Consales

«Comune: inefficienza e raccomandati»

BRINDISI - Il Consiglio comunale rischia di saltare per mancanza del numero legale ed il sindaco Mimmo Consales perde la pazienza, chiede la parola e alza la voce contro i consiglieri di maggioranza, impegnati in varie faccende o al bar, e più in generale contro la struttura comunale "inefficiente e piena di raccomandati”. L'intervento del primo cittadino, visibilmente adirato per quanto stava accadendo, è avvenuto alle 10.30 circa di questa mattina, ed è stato ripreso dalla nostra telecamera. Due minuti di sfogo che hanno ammutolito l'aula e che sono stati apprezzati dal pubblico presente.

BRINDISI - Il Consiglio comunale rischia di saltare per mancanza del numero legale ed il sindaco Mimmo Consales perde la pazienza, chiede la parola e alza la voce contro i consiglieri di maggioranza, impegnati in varie faccende o al bar, e più in generale contro la struttura comunale "inefficiente e piena di raccomandati". L'intervento del primo cittadino, visibilmente adirato per quanto stava accadendo, è avvenuto alle 10.30 circa di questa mattina, ed è stato ripreso dalla nostra telecamera. Due minuti di sfogo che hanno ammutolito l'aula e che sono stati apprezzati dal pubblico presente.

La seduta di Consiglio comunale che dovrà approvare il nuovo regolamento Imu ed il conseguente aumento della tasse sulle seconde case è al momento ancora in corso. In apertura le opposizioni (Pennetta, Di Noi, Fusco) hanno criticato la maggioranza per aver portato l'argomento all'attenzione dell'assemblea solo in extremis (il regolamento deve infatti essere approvato entro domani). Il capogruppo del Pd Salvatore Brigante ha scaricato le colpe sull'inefficienza della macchina comunale e «su alcuni funzionari e dirigenti che andrebbero trasferiti o puniti se non svolgono ben il loro lavoro».

Poi però a dare prova di inefficienza sono stati alcuni consiglieri di maggioranza, che durante l'intervento di Giampiero Pennetta si sono allontanati dall'aula. A quel punto le opposizioni, per protesta, hanno manifestato l'intenzione di far mancare il numero legale. Così il presidente del consiglio Luciano Loiacono ha iniziato a richiamare gli assenti suonando ripetutamente la campanella, e le opposizioni hanno accolto l'invito alla "responsabilità" giunto dal sindaco Mimmo Consales.

Una volta tornata la calma, il primo cittadino ha preso la parola e, arrabbiato come non mai, ha criticato consiglieri e dipendenti comunali: «Io lavoro per questa città fino alle quattro del mattino e pretende che anche tutti i consiglieri comunali rispettino la città. Quindi vi invito, tutti, a restare sempre in aula e ad ascoltare tutti gli interventi. Quanto alla macchina comunale, in campagna elettorale sono stato il primo a criticarne l'efficienza, ed oggi confermo che la struttura non funziona, fa acqua da tutte le parti». C'è però un piccolo problema: le raccomandazioni che hanno consentito a molti di arrivare ad occupare il posto che ricoprono. E che a quanto pare consentono di conservarlo, evitando punizioni e trasferimenti: «Ho nomi e cognomi di chi, in maniera trasversale, raccomanda impiegati, funzionari e dirigenti. Basta! Perché questa città non ne può più». E dal pubblico parte l'applauso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento