rotate-mobile
Politica

Anci/ La spunta Delrio su Emiliano

BRINDISI - In cinque ore, dalle 15 alle 20, durante le quali nella Sala Amaranto del Capannone Montecatini è accaduto di tutto tra i delegati del PD, alla fine l'ha spuntata il sindaco di Reggio Emilia su quello di Bari, ma solo per tre voti a dimostrazione della profonda divisione tra sindaci e anime del Partito Democratico, ma che in fondo è anche prova di confronto aperto: 88 voti a Graziano Delrio, 85 per MIchele Emiliano.

BRINDISI - In cinque ore, dalle 15 alle 20, durante le quali nella Sala Amaranto del Capannone Montecatini è accaduto di tutto tra i delegati del PD, alla fine l'ha spuntata il sindaco di Reggio Emilia su quello di Bari, ma solo per tre voti a dimostrazione della profonda divisione tra sindaci e anime del Partito Democratico, ma che in fondo è anche prova di confronto aperto: 88 voti a Graziano Delrio, 85 per MIchele Emiliano.

Ed ora nel grande spazio attrezzato nel porto di Brindisi per la XXVIII Assemblea Nazionale dell'Anci, il confronto è tra centrosinistra e Pdl non certo per il candidato alla presidenza (c'era un accordo per una votazione unitaria e il sindaco di Roma, Alemanno, ha fatto capire che Delrio va bene), ma sul contesto in cui il Pd ha compiuto la scelta. Ci sono stati fischi alla riapertura delle porte della Sala Amaranto, e all'abbraccio pubblico con bacio post-primarie tra Emiliano e Delrio. I sindaci del Pdl stavano addirittura raccogliendo firme per contestare presunte violazioni del regolamento. Ma un candidato del Pdl non c'è mai stato. A breve il nome del nuovo presidente dell'Anci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anci/ La spunta Delrio su Emiliano

BrindisiReport è in caricamento