rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Politica

Apertura corso: "Decida il consiglio"

BRINDISI - Il sindaco Consales non si ferma: «Tempo 15-20 giorni al massimo e corso Garibaldi sarà riaperto al traffico, eccezione fatta per le domeniche e i festivi». In questi giorni i tecnici comunali dovranno far smussare l’aiuola di piazza Vittoria e preparare l’ennesima inversione di marcia di via Carmine, mentre quelli della Multiservizi dovranno invertire l’ingresso e l’uscita del parcheggio di via Del Mare. Poi il primo cittadino darà il via alla rivoluzione, che piace a una parte dei negozianti e dei cittadini, ma trova l’opposizione di molti altri.

BRINDISI - Il sindaco Consales non si ferma: «Tempo 15-20 giorni al massimo e corso Garibaldi sarà riaperto al traffico, eccezione fatta per le domeniche e i festivi». In questi giorni i tecnici comunali dovranno far smussare l?aiuola di piazza Vittoria e preparare l?ennesima inversione di marcia di via Carmine, mentre quelli della Multiservizi dovranno invertire l?ingresso e l?uscita del parcheggio di via Del Mare. Poi il primo cittadino darà il via alla rivoluzione, che piace a una parte dei negozianti e dei cittadini, ma trova l?opposizione di molti altri.

Ma ora contro la decisione di Consales si sono schierati anche i consiglieri comunali ed ex candidati-sindaco Giovanni Brigante, Roberto Fusco e Riccardo Rossi, che in una lettera congiunta inviata al sindaco e all'assessore all?urbanistica Pasquale Luperti, hanno chiesto un incontro urgente per discutere della decisione di riaprire al traffico Corso Garibaldi.

«Vi anticipiamo la nostra contrarietà rispetto ad una soluzione che riporta indietro di anni la città di Brindisi. Pensiamo che il tema della mobilità vada affrontato in termini più complessivi ed organici, partendo dalla predisposizione di un piano comunale per la mobilità all?interno del quale a nostro avviso avere incrementi e non riduzioni di zone pedonali».

Brigante, Fusco e Rossi chiedono al sindaco di soprassedere su tale decisione per consentire al Consiglio Comunale, che a breve si insedierà, di affrontare l?argomento, perché «il tema deve essere affrontato in termini più complessivi ed organici, partendo dalla predisposizione di un Piano Comunale per la Mobilità all'interno del quale a nostro avviso avere incrementi e non riduzioni di zone pedonali».

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apertura corso: "Decida il consiglio"

BrindisiReport è in caricamento