Lunedì, 15 Luglio 2024
Politica

Azzeramento giunta o rimpasto? Marchionna avvia il giro di consultazioni

Già nella giornata di oggi inizieranno i colloqui bilaterali fra il sindaco e i partiti di maggioranza. La riserva, con ogni probabilità, sarà sciolta nei primi giorni della prossima settimana

BRINDISI – Sarà un fine settimana fitto di incontri per Giuseppe Marchionna. Il sindaco di Brindisi già nella giornata di oggi (sabato 15 giugno) dovrebbe avviare il giro di consultazioni con esponenti dei partiti che compongono la maggioranza di centrodestra. Sono almeno sei i soggetti politici da sentire. Con ogni probabilità i colloqui andranno avanti fino ai primi giorni della prossima settimana. Dopo di che il primo cittadino dovrà prendere una decisione sulla richiesta di azzeramento della giunta che ieri (venerdì 14 giugno) gli è stata formalizzata dai capigruppo di Fratelli d’Italia, Forza Italia, Partito repubblicano, Casa dei Moderati, Lega, Lista Marchionna sindaco.

Tutte le forze di maggioranza concorderebbero sull’opportunità di resettare l’esecutivo, a un anno dall’insediamento della consiliatura. Da quanto trapelato, la richiesta di azzeramento scaturisce da una sorta di scollamento venutosi a creare fra il governo cittadino e i gruppi consiliari. Fra deficit di comunicazione e iniziative non concordate con i consiglieri, il solco sarebbe diventato incolmabile. Il confronto con Marchionna, da quanto appreso, è stato disteso. Il rischio di uno strappo con conseguenze sulla tenuta della maggioranza, non dovrebbe essere all'ordine del giorno. 

Ma si andrà davvero verso la revoca di tutte le deleghe e una ripartenza da zero? L'ipotesi più plausibile pare quella di un rimpasto. Sembra difficile che il sindaco possa ricostituire l'esecutivo da cima a fondo. Qualcuno, con ogni probabilità, andrà via, ma altri resteranno. Si capirà qualcosa di più dopo i primi colloqui bilaterali con i partiti. 

Il sindaco, nel manifestare assoluta serenità, preferisce non rilasciare dichiarazioni. I tempi delle consultazioni sono stretti, se si considera che i capigruppo hanno sollecitato una decisione prima del consiglio comunale sulla Multiservizi. L’assise dovrà essere convocata entro il 30 giugno per approvare sia il rendiconto 2023 della partecipata, chiuso con un passivo di quasi 2 milioni di euro, che il piano industriale triennale proposto dall’amministratore unico, Gianvito Morelli.

Il risanamento della Bms passerà anche dall’adozione degli ammortizzatori sociali nei confronti di una parte del personale, limitatamente al secondo semestre 2024. Una volta insediata, insomma, la giunta bis sarà alle prese con un impegnativo banco di prova. Il primo di una lunga serie nell’amministrazione di una città che è sottoposta a piano di riequilibrio pluriennale dei conti. 

Rimani aggiornato sulle notizie dalla tua provincia iscrivendoti al nostro canale whatsapp: clicca qui

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Azzeramento giunta o rimpasto? Marchionna avvia il giro di consultazioni
BrindisiReport è in caricamento