rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica Ostuni

Bilancio approvato, Tanzarella tuona ma apre al dialogo

OSTUNI - Il Consiglio Comunale di Ostuni, nella tarda serata di ieri, ha approvato il Bilancio di Previsione 2010, la Relazione Previsionale e Programmatica e il Bilancio Pluriennale 2010-2012. In primo piano, numeri e analisi tecniche. Tanzarella a Sinistra Alternativa: "Lavorare insieme per una coalizione che vada dall'Udc a Vendola".

OSTUNI - Il Consiglio Comunale di Ostuni, nella tarda serata di ieri, ha approvato il Bilancio di Previsione 2010, la Relazione Previsionale e Programmatica e il Bilancio Pluriennale 2010-2012. In primo piano, numeri e analisi tecniche: "Il Comune di Ostuni, sino ad oggi - ha sottolineato l'assessore al bilancio, Pietro Marzio - nonostante il periodo di congiuntura difficile di questi ultimi anni, è riuscito a rispettare il Patto di stabilità, grazie ad una gestione oculata del patrimonio, delle risorse e ad una razionalizzazione della spesa".

Entrando nel merito, l'assessore spiega: "Non abbiamo premuto l'acceleratore sulla fiscalità locale, anzi, l'Amministrazione comunale si è prefissata obiettivi molto importanti a beneficio della comunità: mantenere inalterata la pressione fiscale e contestualmente abbattere le evasioni; consolidare ed implementare le prestazioni offerte nei servizi generali, nei servizi alla persona e alla famiglia, volgendo particolare attenzione alla sicurezza delle persone ed al miglioramento della qualità della vita; mantenere ferme le tariffe di tutti i servizi a domanda individuale; potenziare gli interventi di promozione valorizzazione del nostro territorio, unitamente alla salvaguardia dell'ambiente ed alla promozione culturale; creare e migliorare le infrastrutture per adeguarle ai bisogni della popolazione".

Tutto invariato, dunque, a partire dalle aliquote Ici: 7 per mille (seconda casa), 4 per mille (immobili destinati ad attività produttive, artigianali e piccola e media impresa situati all'interno delle aree urbanisticamente tipizzate "D", nonché fabbricati realizzati per la vendita e non venduti dalle imprese che hanno per oggetto esclusivo o prevalente dell'attività la costruzione o l'alienazione dei beni). Resta invariata anche l'addizionale comunale, che rappresenta oggi la maggiore leva a disposizione delle Amministrazioni per aumentare le proprie entrate: "Con fermezza e convinzione abbiamo riconfermato l'aliquota minima dello 0,2 per cento". Invariate anche le riduzioni e le detrazioni d'imposta. Nessuna variazione rispetto al 2009 anche per quanto attiene Tarsu (Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani) e Tosap (Tassa per occupazione del suolo pubblico).

Sul fronte degli investimenti, fari puntati sulle prossime opere: dal miglioramento al potenziamento della viabilità, all'adeguamento e messa in sicurezza di edifici scolastici, sino al potenziamento di servizi primari. Tra gli interventi, in cantiere, la sistemazione del tratto di strada provinciale Ostuni-Carovigno (dal rondò per Torre Pozzelle al rondò per la zona artigianale di Santa Caterina), e del tratto iniziale della provinciale Ostuni-Fasano. Novità anche sul fronte della cultura: il 2010 segna la riapertura del Museo civico di Civiltà preclassiche della Murgia meridionale, dopo l'intervento di restauro del complesso situato nel centro storico della Città bianca. "Questa struttura - sottolinea Marzio - consentirà di potenziare l'offerta turistica, legandola non solo al mare ed al paesaggio ma anche ad attività culturali di particolare interesse e prestigio. In questo settore, l'Amministrazione comunale sta continuando ad investire risorse per la loro funzionalità e fruizione".

Superati i nodi tecnici e prima del voto in aula ha tenuto banco anche il dibattito politico. Duro il giudizio dell'opposizione di centrodestra, che con conti e documenti alla mano ha motivato il proprio voto contrario. Tra i banchi della minoranza, intanto, hanno esordito i due consiglieri ex "Ostuni che lavora": Ernesto Camassa e Antonio Molentino, passati all'Udc. E nel corso del dibattito non sono mancate le scintille tra i due, gli ex compagni di partito e lo stesso primo cittadino: "Ad oggi - ha tuonato il sindaco Domenico Tanzarella - non ho ancora compreso le ragioni per la quali, con incoerenza e poco stile avete voltato le spalle alla maggioranza, al vostro gruppo e al sottoscritto".

Apre le porte della maggioranza il sindaco, sia all'Udc sia alla sinistra alternativa: "A Ostuni, a Bari nel Paese occorre lavorare su un progetto politico che vada dall'Unione di centro a Vendola. Ma per restare nell'ambito locale, è evidente che io sono pronto a dialogare e a confrontarmi con tutti. C'è qualcuno nella sinistra ostunese che insiste nel ritenere corpi estranei i progetti portati avanti in questi anni dal sottoscritto o dall'amico Lorenzo Cirasino. Ogni autorevole contributo rappresenta una risorsa per il centrosinistra. Io sono pronto a dialogare con tutti ma non certo con chi, spinto peraltro da ambizioni personali più che da una lucida visione politica, ritiene il sottoscritto un nemico da abbattere".

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio approvato, Tanzarella tuona ma apre al dialogo

BrindisiReport è in caricamento