menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giovanni Brigante

Giovanni Brigante

Brigante: «Verifica sulla compatibilità di Rollo»

BRINDISI - Il consigliere regionale Giovanni Brigante ha chiesto al presidente del Consiglio regionale di verificare la compatibilità delle due cariche ricoperte da Marcello Rollo, che è subentrato in Consiglio al posto di Iurlaro senza dimettersi da presidente dell'Asi.

BARI - Il consigliere regionale Giovanni Brigante ha chiesto al presidente del Consiglio regionale di verificare la compatibilità tra i due incarichi ricoperti dal brindisino Marcello Rollo, che si è ritrovato in Consiglio al posto di Pietro Iurlaro (eletto senatore) ma continua ad occupare la poltrona di presidente del consorzio Asi.

«Le chiedo di voler verificare la sussistenza della compatibilità alla luce della legge regionale n. 2/2007 e del decreto 39/2013».

La prima chiarisce che "i Consorzi sono enti pubblici economici per l'infrastrutturazione e la gestione di aree produttive di particolare rilevanza regionale", la Regione ne riceve "i Piani e il Bilancio" ed "esercita il controllo sul Programma triennale di attività, sul Piano economico e finanziario". Inoltre, "in caso di gravi e persistenti irregolarità di gestione, la giunta regionale delibera lo scioglimento degli organi del Consorzio e provvede alla nomina di commissario".

Il decreto numero 39/2013, invece, stabilisce l'incompatibilità tra incarichi nelle pubbliche amministrazioni e negli enti privati in controllo pubblico e la cariche di componenti di organi di indirizzo politico. All'articolo 13 è spiegato che: «Gli incarichi di presidente e amministratore delegato di enti di diritto privato in controllo pubblico sono incompatibili con la carica di assessore o consigliere regionale».

Per Brigante, dunque, la incompatibilità è manifesta: «Rollo in questo momento è controllato e controllore».

Marcello Rollo, contattato da BrindisiReport, ha detto che: «Rispetterò la legge, come ho sempre fatto. Per il resto non rilascio commenti».

La parola finale tocca al presidente del Consiglio regionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento