rotate-mobile
Politica

Bonifiche, discarica di Autigno: c'è la firma del decreto, con i fondi del Pnrr

E' uno dei sei progetti della regione Puglia che sarà finanziato dal Piano nazionale ripresa e resilienza. La deputata Palmisano: "Attraverso queste misure si implementano processi che puntano alla tutela ambientale"

BRINDISI - "E' stato firmato il decreto che autorizza la bonifica a Brindisi dell'impianto di discarica ad Autigno. E' uno dei sei progetti della regione Puglia che sarà finanziato dal Pnrr (Piano nazionale ripresa e resilienza, ndr)". A comunicarlo è la deputata Valentina Palmisano (Movimento Cinque Stelle), a margine dell'atto con cui il ministero della Transizione Ecologica ha stanziato 500 milioni di euro per le bonifiche dei siti orfani.  E tra questi c'è l’area di 240mila metri quadri nel territorio di Brindisi. Le altre cinque aree sono: ex opificio L.a.o. srl nel comune di Troia (Foggia); ex opificio Zincherie Adriatiche a Diso (Lecce), ex inceneritore Rsu/Saspi a Lecce, discarica Colacicco, due lotti a Santeramo in Colle (Bari).

On. Valentina Palmisano Movimento Cinque Stelle  (1)-2

"Un risultato raggiunto grazie al prezioso lavoro della sottosegretaria alla Transizione Ecologica Ilaria Fontana (Movimento 5 Stelle) che ha seguito con attenzione l'iter del decreto e l'assegnazione di questi fondi per i diversi territori, portando a compimento una azione iniziata dal ministro Sergio Costa con il suo decreto del 29 dicembre del 2020 che aveva stanziato i primi 106 milioni di euro. Ora il ministero della Transizione Ecologica stanzierà altri 500 milioni di euro del Pnrr, per un finanziamento totale di 606 milioni di euro per la bonifica di questo tipo di luoghi inquinati. Si tratta di risorse fondamentali - prosegue Valentina Palmisano (nella foto sopra) - per il recupero di aree dismesse e che da tempo attendevano interventi di recupero".

A metà novembre le regioni, tra cui la Puglia hanno comunicato l'elenco dei propri "siti orfani" al ministero per la Transizione Ecologica. Si tratta di sei siti pugliesi per complessivi 991mila metri quadrati di superficie da bonificare. Per sanificare questi luoghi verranno assegnati una parte dei 606 milioni di euro destinati a questo tipo d'intervento. "Attraverso queste misure si implementano processi che puntano alla tutela ambientale, uno dei pilastri del Piano nazionale di ripresa e resilienza, ma anche - conclude Valentina Palmisano - permettono di immaginare un futuro diverso per aree in passato utilizzate per attività illecite, e che ora possono guardare ad una ritrovata sostenibilità ambientale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonifiche, discarica di Autigno: c'è la firma del decreto, con i fondi del Pnrr

BrindisiReport è in caricamento