Politica

"Appia Antica, grande opportunità per il territorio: ecco il nostro progetto"

Parla l'assessore Roberta Lopalco del Comune di Brindisi: "Partecipiamo a un bando Anci, ma le prospettive vanno oltre. Possibilità di creare un brand"

BRINDISI - "E' un'opportunità per porre l'accento sulla nostra storia, sulla nostra cultura, sulla nostra identità". L'assessore all'Ambiente del Comune di Brindisi Roberta Lopalco spiega come è nata l'idea di valorizzare il tratto di Appia Antica che insiste nel territorio brindisino. Il Municipio di Brindisi, insieme a Francavilla Fontana, Oria, Mesagne e Latiano, partecipa quale capofila a un bando indetto da Anci: il progetto incentrato sulla "regina viarum" è in corsa per un finanziamento. 

BrindisiReport ha ascoltato il punto di vista dell'assessore Lopalco (foto sotto): il bando dell'Anci è un'occasione per fare sistema, per una strategia comune a tutti i territori del Brindisino. "Recuperare il tracciato significa anche creare delle suggestioni per i fruitori del turismo lento. E' un'occasione per mettere a sistema beni culturali e ambientali. Ci sono scavi già fatti, penso a Muro Tenente, abbiamo altri Comuni che si sono attivati dal punto di vista scientifico. Brindisi è il terminale dell'antica via. Il tema dell'Appia è l'occasione soprattutto per ragionare su un'identità territoriale forte, da cui può venir fuori anche un brand", è il pensiero dell'assessore Lopalco.

Roberta Lopalco-3

Tutti gli operatori e tutti coloro che sono interessati al recupero dell'Appia Antica stanno incrociando le dita per il bando, ma qualora non andasse in porto il finanziamento, il progetto verrebbe abbandonato? No, spiega l'assessore, questo è un discorso a medio e lungo e termine: "Abbiamo colto l'occasione fornita dall'Università di Amsterdam e dall'Università del Salento con il ciclo di webinar, partito venerdì 29 gennaio 2021. Deve essere l'opportunità per approfondire nei singoli territori le potenzialità di questo percorso, per arrivare a sottoscrivere un protocollo d'intesa con tutti i Comuni interessati". 

Approfondimento: le condizioni dell'Appia Antica

Ovviamente anche i musei del territorio saranno coinvolti, così come altri stakeholders. La prospettiva è chiara per gli amministratori brindisini: da un lato ci sarà un tavolo istituzionale con gli Enti coinvolti, Comuni, Regione, Sovrintendenza ed eventualmente Ministero. Da un altro lato si terranno dei tavoli di concertazione territoriale dove verranno invitati anche altre associazioni, perché si sono dette interessate a questa visione e vogliono dare il proprio contributo. Brindisi e le Antiche strade, associazione attiva sul territorio, è al momento uno stakeholder di questo progetto. Potrebbero arrivarne altri, chiosa l'assessore Lopalco: "Massima apertura al dialogo, dobbiamo coinvolgere il territorio, ci teniamo molto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Appia Antica, grande opportunità per il territorio: ecco il nostro progetto"

BrindisiReport è in caricamento