"Dal 30 settembre Brindisi senza prefetto: il ministro intervenga subito"

Interrogazione di Mauro D'Attis a Stefania Lamorgese: l'attuale titolare della carica andrà in pensione domani. "Sicurezza dei cittadini a repentaglio in città"

BRINDISI - Il deputato di Forza Italia Mauro D'Attis e il suo collega Francesco Paolo Sisto presentano al ministro degli Interni Luciana Lamorgese un'interrogazione a risposta immediata in commissione Affari costituzionali sulla nomina del prefetto di Brindisi. L'incarico dell'attuale prefetto, Umberto Guidato, termina il 30 settembre, poiché andrà in pensione. I due deputati citano l’articolo 11 del decreto legislativo 19 maggio 2000, numero 139, che stabilisce che “tutti gli incarichi di funzione sono conferiti tenendo conto della natura e delle caratteristiche dei programmi da realizzare, nonché delle attitudini e delle capacità professionali del funzionario”. Brindisi, è il pensiero di D'Attis e Sisto, specialmente dopo quanto scoperto durante l'inchiesta "Old Generation", non può rimanere scoperta sotto questo punto di vista.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Quotidianamente a Brindisi - si legge nell'interrogazione - si susseguono crisi amministrative, tensioni sociali e problemi di ordine pubblico, in ultimo, la spinosa vicenda riguardante lo storico esponente della Sacra corona unita, Giovanni Donatiello. Entrato in carcere a 24 anni, nel 1986, è tornato in libertà agli inizi del 2018 e l’accusa mossa nei suoi confronti nell’operazione 'Old Generation' è quella di non aver mai smesso di essere un capo del clan che gestisce gli 'affari sporchi' a Brindisi e nei comuni limitrofi. in linea generale il centro degli interessi del clan dei 'tuturanesi' sarebbero state estorsioni a imprenditori e commerciali, oltre che alla gestione del business dei parcheggi abusivi nei pressi dell’ospedale. E' stato scoperto un giro d’affari da 80 euro al giorno in epoca pre-covid, dimezzato durante il lockdown, secondo quanto risulta agli investigatori della Squadra mobile di Brindisi. In considerazione del fatto che la sicurezza dei cittadini nella città di Brindisi sembra essere a repentaglio, ad avviso degli interroganti, è necessario garantire un rappresentante dello Stato nel territorio pugliese. Se e quali iniziative - concludono D'Attis e Sisto - il ministro interrogato intenda intraprendere al fine di provvedere tempestivamente alla nomina del prefetto di Brindisi stante la vacanza del posto per il congedo per raggiungimento dell’età pensionabile dell’attuale titolare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • "Da venerdì scuole chiuse in Puglia": Emiliano firma l'ordinanza

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Coronavirus, continuano ad aumentare i nuovi positivi e i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento