Politica

Centro storico: "Il bianco in calce. Poi stop ai lavori"

OSTUNI - Il sindaco ordina: Ostuni sia più Bianca. Come tradizione, il primo cittadino Domenico Tanzarella ha infatti firmato un'ordinanza che obbliga tutti i proprietari di immobili sparsi nella zona antica a provvedere a proprie spese alla tinteggiatura a calce. Evidente la motivazione addotta a supporto del provvedimento: “Ostuni, conosciuta in tutto il mondo come la Città bianca, non vuole perdere la sua caratteristica principale: il bianco delle sue case”.

Le mura della Città bianca

OSTUNI - Il sindaco ordina: Ostuni sia più Bianca. Come tradizione, il primo cittadino Domenico Tanzarella ha infatti firmato un'ordinanza che obbliga tutti i proprietari di immobili sparsi nella zona antica a provvedere a proprie spese alla tinteggiatura a calce.

Evidente la motivazione addotta a supporto del provvedimento: "Ostuni, conosciuta in tutto il mondo come la Città bianca, non vuole perdere la sua caratteristica principale: il bianco delle sue case".

Per questa ragione Tanzarella ha disposto un atto che impone ai rispettivi proprietari e possessori il ripristino della tinteggiatura bianca a latte di calce dei fabbricati siti nella zona antica della Città, nella zona settecentesca e ottocentesca o che abbiano comunque un rilevante interesse storico.

Dalla tinteggiatura devono essere esclusi i portali, gli stemmi, le cornici artistiche e le opere in pietra che dovranno restare del colore naturale.

In caso di inadempienza o dimenticanza la tinteggiatura verrà eseguita d'ufficio a spese dei trasgressori.

"Il nostro Centro Storico - spiega il sindaco Tanzarella - costituisce una risorsa fondamentale del patrimonio storico e culturale della nostra Città. Una perla che per le sue caratteristiche è capace di attrarre flussi turistici rilevanti in particolare durante il periodo estivo. La caratteristica principale che unifica l'insieme urbanistico ed edilizio di questa parte della Città è rappresentata dalla tradizionale coloritura in bianco delle sue costruzioni. Ecco il perché di questa ordinanza. La decisione è nata dalla convinzione che dobbiamo sempre essere vigili per evitare di perdere le peculiarità del nostro territorio e tramandare ai nostri figli le bellezze che i nostri genitori hanno costruito e custodito gelosamente".

Per non disturbare l'attività turistica il sindaco ha disposto inoltre la sospensione dei lavori edili in corso nel centro storico dal 1° luglio al 30 settembre. "L'esecuzione di questi lavori" si legge nell'ordinanza potrebbe arrecare inevitabili disagi e sicuri inconvenienti al notevole flusso turistico che si registra ogni anno nel periodo estivo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro storico: "Il bianco in calce. Poi stop ai lavori"

BrindisiReport è in caricamento