Centrodestra: istituito il tavolo permanente di crisi per Brindisi

L'iniziativa coinvolge Forza Italia, Idea per Brindisi, Lega per Salvini e Fratelli d’Italia

Riceviamo e pubblichiamo una nota congiunta a firma di Livia Antonucci (Forza Italia  Brindisi), Claudio Niccoli (Idea per Brindisi), Cosimo De Michele (Lega per Salvini Brindisi), Sabrina De Punzio e Cesare Mevoli (Fratelli d'Italia Brindisi)

Le forze politiche del Centrodestra di Brindisi (Forza Italia, Idea per Brindisi, Lega per Salvini, Fratelli d’Italia) dopo aver ascoltato ed incontrato diverse realtà associative, imprenditoriali, del commercio, del welfare, degli artigiani e della scuola, ritengono di istituire un tavolo permanente di crisi per la città di Brindisi. L’iniziativa nasce dalla consapevolezza della profonda crisi che attraversa la città e tutto il territorio provinciale. La politica deve avere la capacità di ascoltare, ancora di di più, le diverse realtà presenti sul territorio che dovranno essere coinvolte nelle scelte, per diventare tutti insieme protagonisti del futuro della nostra città. La politica deve riappropriarsi della autorevolezza, della dignità e delle responsabilità che i cittadini elettori gli attribuiscono ogni volta con il loro consenso.

Il tavolo perennemente aperto a tutte le forze del territorio è sempre pronto ad ascoltare e tradurre in proposte tutti i suggerimenti, che dovranno essere condivisi avendo un unico obiettivo quello di costruire un futuro, limpido, che dia certezze imprenditoriali, occupazionali, ambientali e di vivibilità, nell’unità di intenti. È finito il tempo delle divaricazioni, delle rotture, dei distinguo occorre unità, in un momento difficile come questo, mantenendo ognuno il proprio ruolo. Le restrizioni disposte dal Dpcm Conte dello scorso 24 ottobre, ha ancor di più creato una frattura tra il paese reale quello che produce, che crea lavoro ed il paese dei palazzi lontano dai bisogni veri della gente dei cittadini. Il Centrodestra è seriamente preoccupato dal fatto che le tante attività, già messe a dura prova dal lockdown della primavera scorsa, possano definitivamente scomparire a seguito delle nuove decisioni del governo e della Regione, lasciando spazio ad un disastro senza precedenti.

Bisogna dare un segnale forte, formulando proposte concrete e scenari certi trasferendoli dal confronto e dibattito del tavolo, a tutti i livelli istituzionali, da quello comunale, a quello regionale, a quello nazionale, affinché in tutte le istituzioni le proposte siano uguali e prendano sempre più una forza, nell’ interesse di tutti e del territorio. C’è la necessità di riappropriarsi del proprio ruolo, emarginando e denunciando i dilettantismi o peggio le logiche esterne al governo del territorio di Brindisi. La prossima settimana continueranno gli incontri, per arricchire sempre di più i contenuti delle proposte da presentare alla città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al mercato senza mascherina, "Il Dpcm non è legge": multata

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Covid, Puglia: la curva non si abbassa, 32 nuovi decessi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento