Ostuni, primarie centrodestra il 17 marzo. Coppola: in campo comunque

Candidature entro il 18 febbraio. Il sindaco dimissionato: se vi saranno preclusioni farà altre scelte

OSTUNI - Domenica 17 marzo il centrodestra di Ostuni designerà attraverso le primarie il proprio candidato sindaco per le elezioni amministrative anticipate dalla caduta dell'amministrazione guidata dal sindaco Gianfranco Coppola, il quale nella stessa area che lo aveva eletto primo cittadino ha i suoi avverarsi più pericolosi, tanto è vero che lo stesso Coppola non ha mancato di denunciare pubblicamente che qualcuno, in questa colaizione, vorrebbe persino precludergli la possibilità di ricandidarsi. Con avvertimento: se vi saranno veti, lui sarà comunque della partita. Un messaggio chiaro.

la decisione di tenere le primarie il 17 marzo è stata presa dai rappresentanti di Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Direzione Italia, Ostuni Tricolore, Ostuni Futura, Partito delle Aziende e Obiettivo Comune. Fissato anche il termine per la presentazione delle candidature, che è quello del 18 febbraio alle ore 18: le proposte e dovranno pervenire allo studio della dott.ssa Marilena Zurlo. Inoltre, è stato stabilito, ciascuna candidatura dovrà essere accompagnata dalle firme di almeno175 elettori ostunesi.

Tre già i concorrenti in campo: l’avvocato Giovanni Zaccaria, l’ingegnere Emanuele Giaccari e l’avvocato Guglielmo Cavallo. Ciascuna lista e partito dell'area di centrodestra ha indicato il proprio rappresentante nel comitato di garanzia che sovrintenderà alla preparazione delle primarie, allo svolgimento della campagna di ciascun candidato all'interno dell'elettorato di centrodestra, alle operazioni di voto il 17 marzo, e alla predisposizione della scheda elettorale, ed infine alla proclamazione del candidato risultato vincitore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Considerando solo i centri più grandi del Brindisino, incluso il capoluogo, Ostuni era l'unico amministrato dal centrodestra assieme a Ceglie Messapica. Attualmente, caduta l'amministrazione di Mesagne sempre per iniziativa di un gruppo maggioritario di consiglieri comunali, Fasano, San Vito dei Normanni, Brindisi sono amministrati da maggioranze di centrosinistra, e a Francavilla Fontana è in carica una giunta di liste civiche in parte riconducibili ad aree di centrosinistra. A maggio, probabilmente in concomitanza con le elezioni del Parlamento europeo, gli elettori di Mesagne e Ostuni andranno in cabina anche per eleggere sindaco e consiglio comunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terrore in strada: moglie getta acido addosso al marito, lui è grave

  • Aggredito con l'acido dalla moglie: uomo stabile ma gravissimo

  • Uomo ustionato con l'acido: la moglie ora è accusata di tentato omicidio

  • Rapina in pieno giorno: banditi armati di taglierino assaltano banca

  • Temporale sulla città: strade allagate e case senza energia elettrica

  • Covid: nuovo picco di casi in Puglia. Nel Brindisino altri due contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento