rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Politica Mesagne

Cgil Fp: “Positiva la stabilizzazione dei lavoratori precari a Mesagne e Ostuni”

BRINDISI – “Abbiamo salutato il 2010 con due risultati finali che speriamo siano d’auspicio per l’anno che inizia: 26 dipendenti del Comune di Mesagne e 10 dipendenti del Comune di Ostuni sono stati finalmente stabilizzati, conquistando la certezza del posto di lavoro e uscendo dal limbo della precarietà”. Così la Cgil Funzione pubblica di Brindisi ha accolto la notizia della stabilizzazione dei Lavoratori precari presso i due enti comunali. “Un risultato di portata storica per il sindacato, per il Comune di Mesagne, per il Comune di Ostuni”, sottolinea Antonio Macchia (Segretario Generale della Cgil Fp di Brindisi).

BRINDISI - "Abbiamo salutato il 2010 con due risultati finali che speriamo siano d'auspicio per l'anno che inizia: 26 dipendenti del Comune di Mesagne e 10 dipendenti del Comune di Ostuni sono stati finalmente stabilizzati, conquistando la certezza del posto di lavoro e uscendo dal limbo della precarietà". Così la Cgil Funzione pubblica di Brindisi ha accolto la notizia della stabilizzazione dei Lavoratori precari presso i due enti comunali. "Un risultato di portata storica per il sindacato, per il Comune di Mesagne, per il Comune di Ostuni", sottolinea Antonio Macchia (Segretario Generale della Cgil Fp di Brindisi).

Per il sindacato si tratta di una svolta "resa ardua dalle leggi portate avanti dal Governo Berlusconi e dai Ministri Brunetta-Tremonti-Sacconi-Gelmini che stanno togliendo speranza e futuro a migliaia di precari, non sempre giovani, intaccando la qualità della loro vita in termini di progettualità personale e sociale ma anche in termini di qualità e quantità dei servizi resi ai cittadini, soprattutto tra i più bisognosi".

Nel merito dei 36 dipendenti entrati a far parte della pianta organica dei rispettivi Comuni di appartenenza, la Cgil precisa: "Le stabilizzazioni in questione sono il positivo epilogo dell'impegno sindacale portato avanti per anni dalla CGIL in tutte le sue articolazioni, in particolare dal Nidil e dalla Funzione Pubblica, e sono la riprova di quali risultati si possano rendere possibili quando i lavoratori ed il sindacato trovano attenzione e sensibilità nel Governo politico delle Comunità. Ottenere risultati nella Pubblica Amministrazione è possibile, ma questo richiede guardare all'interesse generale senza pregiudizi di parte, e diamo atto che i sindaci Mario Scoditti e Domenico Tanzarella con le loro Giunte si sono mosse in questa direzione, mettendo la parola fine al precariato a Mesagne e ponendo tutte le condizioni per arrivare a definire la totalità di quello ad Ostuni".

La stessa nota rende merito poi, con particolare riferimento alla vertenza che ha interessato i lavoratori del Comune di Mesagne, all'impegno profuso nel corso degli anni anche dalla dottoressa Pasqua Erminia Cicoria (Commissaria Prefettizia) e dall'ex assessore della Giunta Incalza, Domenico Magrì.

"Un grazie - conclude infine Macchia - deve essere rivolto anche agli uffici Comunali per l'impegno profuso e per l'alta professionalità dimostrata nel portare a termine, in tempi congrui, un siffatto delicato processo di stabilizzazione, per nulla agevole e scontato. Di questo risultato ne beneficerà sicuramente l'organizzazione complessiva delle Amministrazioni Comunali di Mesagne ed Ostuni, potendo, a questo punto, avviare una programmazione organizzativa negli Enti di lungo respiro. Dopo questo importante risultato raggiunto, la Funzione Pubblica Cgil continuerà la sua azione di contrasto al mondo del precariato in tutte le altre realtà lavorative del nostro territorio che non hanno saputo dare risposte positive ai tanti lavoratori e alle loro famiglie che vivono il loro futuro nell'incertezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cgil Fp: “Positiva la stabilizzazione dei lavoratori precari a Mesagne e Ostuni”

BrindisiReport è in caricamento