menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ciullo: "Il commissario Giuffré illustri ai candidati il bilancio di previsione"

Il candidato sindaco: "Uno dei rischi principali è che si sbandierino demagogicamente programmi da libri dei sogni"

Riceviamo e pubblichiamo un intervento del candidato sindaco Massimo Ciullo, sulla questione riguardante il bilancio comunale. 

In campagna elettorale uno dei rischi principali è che si sbandierino demagogicamente programmi da libri dei sogni. Ma la prima regola per un qualsiasi amministratore, anche di un condominio, è che tenga conto delle risorse a disposizione, delle previsioni di entrate e di uscite nonché della esposizione debitoria dell'ente. Insomma, prima di parlare va considerato il bilancio comunale. Probabilmente a qualcuno sarà sfuggito che lo scorso dicembre il Commissario Straordinario Santi Giuffré disse che la situazione è grave, ma non tragica, anche se potrà diventarlo alla luce dei 50milioni di euro di contenziosi ancora aperti e della mancata riscossione di tributi, delle contravvenzioni e degli affitti comunali.

Il 29 marzo il Commissario Giuffre' ha approvato il bilancio di previsione 2018-2020. Ebbene alla luce delle preoccupanti dichiarazioni rese massimo ciullo-4nel mese di dicembre e della imminenza dell'insediamento del nuovo consiglio comunale, sarebbe stato opportuno che il Commissario accompagnasse l'approvazione con una conferenza pubblica che illustrasse i contenuti del bilancio e aggiornasse la cittadinanza rispetto alle preoccupazioni manifestate a dicembre scorso. Invece tutto è passato in sordina.

Ed infatti il bilancio è reperibile sul sito web del Comune ma solamente attraverso una ricerca più minuziosa tra gli atti amministrativi approvati e non nella pagina di immediata consultazione della cd.
 Amministrazione Trasparente (almeno fino a ieri). Se poi lo si legge attentamente si scopre che l'accantonamento al fondo crediti di dubbia esigibilità per l'esercizio finanziario 2018 ammonta ad un totale generale di oltre 166milioni di euro sotto la specifica voce degli stanziamenti di bilancio per un accantonamento effettivo di euro oltre 12milioni di euro. Quindi già dalla rilevanza di tale fondo crediti di dubbia esigibilità è agevole comprendere quanto sia limitata la capacità di spesa che avrà il Comune di Brindisi.

Ed ancora, rileva che la quota capitale ammortamento mutui e prestiti obbligazionari relativamente al debito pubblico per l'esercizio finanziario 2018 anno 2018 ammonta ad oltre 4milioni di euro. Questa situazione, ovviamente, si ripercuote sulle spese che l'Ente deve e dovrà affrontare, così da dover ricorrere a numerose anticipazioni di cassa sulle quali graveranno pesantemente gli interessi applicati.

Se a tanto si aggiungono i circa 50milioni di euro di contenziosi lamentati a dicembre dal Commissario, allora bisognerà essere prudenti e non demagogici nei programmi elettorali, così come sarà necessario intervenire con una riduzione della spesa pubblica fino a quanto è possibile tagliare relativamente ai costi del personale di fascia alta. Altrettanto andrà verificato continuamente l'effettivo, obiettivo e congruo utilizzo del Peg (piano economico di gestione) di ogni dirigente. Ma nell'immediato chiedo che il Commissario Straordinario illustri alla città il bilancio di previsione approvato il 29 marzo in modo che i candidati sindaco e le rispettive forze politiche sappiano precisamente cosa spetta loro evitando di assumere impegni che non possono mantenere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento