rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Politica

Comunali, le regole dell'IdV

BRINDISI – Linee guida pronte. Il coordinamento provinciale dell’Italia dei Valori si è riunito, ancora una volta, per precisare al meglio la linea politica in vista delle elezioni comunali brindisine della primavera 2012. Lorenzo Caiolo, il coordinatore provinciale di Idv, ha elaborato diverse e chiare opportunità di lavoro per il territorio. Unico, dettaglio, non pervenuto: le primarie per decidere il candidato di coalizione o del partito.

BRINDISI - Linee guida pronte. Il coordinamento provinciale dell'Italia dei Valori si è riunito, ancora una volta, per precisare al meglio la linea politica in vista delle elezioni comunali brindisine della primavera 2012. Lorenzo Caiolo, il coordinatore provinciale di Idv, ha elaborato diverse e chiare opportunità di lavoro per il territorio. Unico, dettaglio, non pervenuto: le primarie per decidere il candidato di coalizione o del partito.

"Le prossime elezioni - ha dichiarato Caiolo - costituiscono una grande opportunità per i partiti e i cittadini desiderosi e impegnati nel cambiamento perché possano creare condizioni reali di svolta nella politica brindisina e nella vita di tutti i brindisini." Si proporranno, nel dettaglio, tre elementi distintivi e di orientamento per programmi, alleanze e persone di una vera svolta, di una stagione politica culturale, economica e morale. Il programma prevede cambiamenti radicali nelle priorità, nelle opzioni, nelle scelte e nei contenuti. Metodi trasparenti - fanno sapere dal partito - e legalità come fondamento con un forte tasso di partecipazione democratica. "non ci interessano - continuano dall'Idv - assemblaggi di slogan programmatici generici".

La scelta della futura classe dirigente della svolta sarà fondata su criteri di onestà, coerenza, competenza e lontananza dai poteri forti che hanno inquinato la vita politica economica e morale della storia brindisina. "Liberare Brindisi per uno sviluppo sostenibile - ha sottolineato il coordinatore provinciale - e diffuso nell'interesse dei brindisini tutti a partire dai giovani: questo, in sintesi, l'obiettivo fondamentale di una nuova amministrazione". Alleanze coerenti con il programma, in sintesi, non ammucchiate fondate su numeri, ma un raggruppamento che garantisca omogeneità di principi, valori e scelte amministrative. Il partito, sicuramente, partirà, da una ricerca d'intesa con le tre forze fondamentali del centrosinistra: Partito Democratico, Italia dei Valori e Sel e si aprirà, necessariamente, a tutte le forze politiche e ai movimenti interessati realmente al cambiamento di metodi, di azioni e di scelte.

"Un candidato sindaco di alto spessore umano, morale e politico - continuano nella missiva dal coordinamento provinciale Idv - dovrà curare Brindisi sulla parte amministrativa, di gestione, di leadership, di orientamento, di coinvolgimento e di mobilitazione di tutte le risorse della città. Da qui, la necessità di individuare una personalità che rappresenti le qualità appena delineate e che possa essere punto di riferimento di ampie fasce di cittadini e di forze politiche, sociali, culturali, economiche e dell'associazionismo". Ma primarie, niente.

In tutto ciò, però, non è venuta fuori la necessità delle elezioni primarie. Quest'ultime, essendo una competizione elettorale attraverso la quale gli elettori o i militanti di un partito politico decidono chi sarà il candidato del partito (o dello schieramento politico del quale il partito medesimo fa parte) per una successiva elezione di una carica pubblica, dovrebbero rappresentare una possibilità in più per la città di Brindisi, per capire quale candidato sarebbe il più richiesto dalla popolazione brindisina. Le primarie stanno per avere la massima partecipazione di elettori alla scelta dei candidati e cariche pubbliche, in contrapposizione al sistema che vede gli elettori scegliere fra i candidati designati dai partiti. Ma a quanto pare, a Brindisi, da parte del partito di Italia dei Valori, le primarie sono state scartate.

Ovviamente la linea guida, espressa a Brindisi da Lorenzo Caiolo, è la medesima proposta a livello nazionale e regionale e con le azioni condotte sino a questo momento.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunali, le regole dell'IdV

BrindisiReport è in caricamento