menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giannace all'insediamento del consiglio comunale nel 2009, nei banchi del PdL

Giannace all'insediamento del consiglio comunale nel 2009, nei banchi del PdL

Comune, si dimette la commissione

BRINDISI - I componenti della commissione consiliare ai Servizi sociali si sono dimessi questa mattina in segno di protesta contro l'assenza del dirigente Costantino Del Citerna. Ma la protesta riguarda tutta la giunta e la macchina amministrativa. L'intervento del presidente Loiacono evita la figuraccia: riunione in settimana.

BRINDISI - A Palazzo di Città la settimana non inizia certo nel migliore dei modi. Questa mattina tutti i componenti della commissione Servizi sociali si sono dimessi in segno di protesta contro l'assenza del dirigente del settore, Costantino Del Citerna.

Le dimissioni, presentate dai consiglieri di maggioranza e opposizione, sono state poi "congelate" per una settimana, grazie all'intervento del presidente del consiglio comunale Luciano Loiacono, che ha promesso di convocare con urgenza un incontro tra tutti i presidenti di commissione, gli assessori e i dirigenti comunali.

Il problema sollevato questa mattina in una forma che non trova precedenti da Salvatore Giannace (presidente), Antonio Elefante, Massimiliano Cursi, Riccardo Rossi Antonio Manfreda, Massimo Pagliara, Gianpiero Pennetta, Maurizio Colella, Cosimo D'Angelo, Pietro Guadalupi e Cosimo Elmo, è storia ben nota da diversi mesi e più volte denunciata da alcuni consiglieri.

«In quasi tutte le riunioni delle commissioni a cui partecipo - racconta Riccardo Rossi - l'assessore e il dirigente al ramo sono assenti. Questo provoca la sostanziale inutilità del confronto».

Questa mattina, constatata l'assenza di Del Citerna, Giannace e compagni hanno deciso di alzare la voce, anche perché all'ordine del giorno c'era un argomento ritenuto importante, l'attuazione dei piani di zona. Le parole di Giannace a conclusione di un inizio di mattinata rovente: «Mi ero premurato di avvisare la struttura nei giorni scorsi. Potrebbero almeno avvertirci della loro assenza. Non mi sento di fare l'utile idiota e di venire qui a scaldare la sedia. E preciso che in questo caso l'assessore non c'etra nulla».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento