menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Con questa politica, il commissario prefettizio è una liberazione"

Adesso si può affermare, senza tema di smentita, che siamo in  campagna elettorale. Anche se manca ancora molto tempo per le  votazioni. Tutto il passato  è stato ormai lasciato alle spalle. Nessuna seria riflessione sulle cause di questa ennesima sconfitta della politica brindisina

Adesso si può affermare, senza tema di smentita, che siamo in  campagna elettorale. Anche se manca ancora molto tempo per le  votazioni. Tutto il passato  è stato ormai lasciato alle spalle. Nessuna seria riflessione sulle cause di questa ennesima sconfitta della politica brindisina, sul perché si sia arrivati ancora una volta al  commissariamento del Comune.  Perché poi perdere tempo? E a chi interessa? Non certamente ai cittadini, loro devono solo prepararsi per votare, naturalmente sempre  gli stessi personaggi. Per continuare a farsi del male.

Infatti si  ritorna a parlare  di tassazione di rifiuti esagerata (di cui sono responsabili la gran parte di loro, avendo approvato aumenti di costi e tariffe), di centro storico, di quartieri, di  viabilità,  di parcheggi, di ambiente, di costa, di trasporti, di porto, aeroporto, di disoccupazione, di tributi, di servizi sociali, di degrado, di zona a traffico limitato, di povertà diffusa e di tutte  le  piaghe di  questa città.

Di  quei problemi che  loro stessi  non sono stati in grado di affrontare e risolvere  in tutti questi anni. Con effetti dolorosi sulla vita e sul portafoglio delle persone. Naturalmente se ne parla con grande leggerezza, solo per farne l'elenco. Stando attenti a non dimenticarne qualcuno, per trasmettere la sensazione di conoscerli e di essere in grado di saperli padroneggiare.

Senza comunque  precisare come fare, in quanto tempo e con quali risorse. E come potrebbero farlo? Dovrebbero ammettere la responsabilità di aver portato il Comune sull'orlo del dissesto finanziario. In condizioni strutturalmente deficitarie, che lo costringono da anni a fare continuamente ricorso a rilevanti prestiti bancari  per far fronte ai suoi normali impegni economici.

Una situazione che sta comportando  il pagamento annuale di consistenti interessi per diverse centinaia di migliaia di euro, che potrebbero essere proficuamente utilizzati per far fronte ai tanti bisogni della città e dei cittadini.

Stiamo assistendo alla fedele riproposizione  dello stesso  percorso virtuale,  persuasivo, accattivante  che ci ha traghettato da un consiglio comunale all'altro, da una giunta all'altra, da un commissario all'altro, da una sofferenza ad un'altra sempre più grande, da una visione della città all'altra, fino alla attuale città che non c'è. Sempre con gli stessi personaggi politici.

In pratica si ripropongono gli stessi  propositi ed impegni  già assunti nella passate campagne elettorali, rimasti in gran parte ad ammuffire nelle carte, come ciascuno può agevolmente verificare. Niente di che stupirsi. Ci sono tutti gli ingredienti della solita demagogia, funzionale solo a stupire, ad acquisire consenso,  piuttosto, che a pensare sul serio a risolvere i problemi di questa città. 

La politica, se può definirsi tale quella praticata in città,  purtroppo non ce la fa a cambiare passo negli uomini e nel modo di amministrare. Non   riesce ad aprirsi alla città, a liberarsi della  sindrome del conclave, che li porta sempre  a decidere da soli, insieme a  pochi intimi. 

Ma non riesce nemmeno a liberarsi dalle incrostazioni di una impostazione  culturale caratterizzata dell’improvvisazione e  dall’approccio disgregato ai problemi, senza riferimento a un reale ed efficace disegno complessivo di sviluppo. Non credo che quanto fatto in questi anni possa rappresentare il tanto declamato modo nuovo di amministrare, di cui si sono continuamente vantati.

Che non può certamente misurarsi, come sono soliti fare, per il numero di celebrazioni, di convegni, di sagre, di rassegne, di passerelle, di conferenze stampa, ma nella pratica di un  approccio culturale diverso verso i problemi,  in funzione di un maggiore e diretto coinvolgimento della città e dei cittadini, non solo nel momento della decisione, ma anche in quello della proposta. Mai  praticato, nonostante le promesse elettorali.  Con i risultati deludenti che sono sotto gli occhi di tutti.

Nondimeno, adesso è necessario darla a bere a tutti, cercando di far dimenticare quanto è stato fatto, anzi, quanto da loro non è stato fatto, nel tentativo  di riprendersi in mano una città, che hanno condotto,  giunta dopo giunta, sull’orlo del disastro.

Ma bisogna fare in fretta, per evitare che i cittadini possano riflettere sulla vicenda,  sulle responsabilità, sulla adeguatezza di questi personaggi, sulle tante chiacchiere propinate, sull’esercizio costantemente provvisorio dell’interesse pubblico, tenuto costantemente in scacco dai tanti dissidi proclamati in nome della conquista  di ogni poltrona disponibile, da parte di chi ha anteposto gli interessi del proprio gruppo di riferimento a quello della città.

Perché potrebbero convincersi che il commissario potrebbe essere  il male minore, avvertirlo addirittura come una liberazione, una  benedizione.  L'occasione giusta per voltare definitivamente pagina con il passato e con gli uomini del passato. Finalmente!

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento