rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Politica Via Benedetto Brin

Consales: "Fanuzzi presto agibile". Ma serviranno 700mila euro per il restyling

Occorrono più di 700mila euro per rimettere a nuovo lo stadio Fanuzzi, ma nei prossimi giorni si farà quanto basta per far sì che l'impianto possa essere agibile entro domenica 7 settembre, quando il Brindisi esordirà nel campionato di Serie D ospitando la Sarnese. Consales ha effettuato stamani un sopralluogo con gli assessori Ingrosso e D'Angelo

BRINDISI – Occorrono più di 700mila euro per rimettere a nuovo lo stadio Fanuzzi, ma  nei prossimi giorni si farà quanto basta per far sì che l’impianto possa essere agibile entro domenica 7 settembre, quando il Brindisi esordirà nel campionato di Serie D ospitando la Sarnese. Nel corso di un sopralluogo effettuata stamani (27 agosto) il sindaco Consales, accompagnato dagli assessori allo Sport e ai Lavori pubblici, rispettivamente Antonio Ingrosso e Cosimo D’Angelo, dal presidente della commissione Sport, Francesco Renna, e dal comandante della Polizia municipale, Erbacce all'ingresso della biglietteria-2Teodoro Nigro, ha preso atto (come già documentato in un precedente articolo pubblicato su questa testata) del vergognoso stato di degrado in cui versa la struttura (nella foto a destra, la biglietteria del Fanuzzi).  

“Le condizioni in cui versa questa struttura sportiva – ha affermato il Sindaco – sono disastrose e forniscono un’immagine totalmente negativa della nostra città. Il fatto gravissimo è che l’amministrazione comunale paga regolarmente gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti sportivi alla società Natuna (aggiudicataria dell’appalto) ed è ancora più grave che ci sia stato qualcuno, all’interno della struttura amministrativa comunale, che abbia certificato la regolarità delle prestazioni effettuate”. 

La Natuna, da quanto riferito dal Consales, sta già intervenendo sul manto erboso  (“lasciato per mesi in una condizione di totale abbandono, così come emerge da una dettagliata relazione tecnica dell’agronomo comunale”) e sulle tribune. Interventi di restyling dovranno essere effettuati anche negli spogliatoi, in sala stampa, in tribuna stampa, in gradinata, nelle biglietterie e in curva.  Un capitolo a parte lo meritano l’ingresso monumentale e il muro perimetrale Il campo sportivo di Tuturano-2d’epoca fascista, per i quali occorrerà un ulteriore stanziamento finalizzato al consolidamento delle strutture.

Versa in pessime condizioni anche il campo sportivo comunale di Tuturano (nella foto a sinistra), visitato dall'amministrazione comunale subito dopo il sopralluogo al Fanuzzi. Come documentato dalle foto pubblicate a corredo dell’articolo, l’impianto è in balia delle erbacce. La rete posizionata sul muro perimetrale è da rifare. Dalle pareti si staccano pezzi di calcinacci. Anche qui, insomma, il comune dovrà mettere mano al portafogli per ripristinare un minimo di decoro.
 

La polemica con la società. Il presidente del Brindisi Antoio Flora, intanto, ha replicato al comunicato stampa inviato nella giornata di ieri dal sindaco Consales, sui rapporti fra l’amministrazione comunale e la società.

Si riporta di seguito la nota di Flora. 
In riferimento all'intervista rilasciata dal Sindaco di Brindisi Consales a Studio 100 TV, che ho ascoltato durante la trasmissione “100 Sport Magazine” di ieri sera, e che mi chiama direttamente in causa, mi preme precisare per l'ennesima volta, senza voler fare polemiche, alcuni
incontrovertibili verità che, per inspiegabili ragioni, non sono state ancora recepite dal Primo Cittadino:
- Durante il campionato 2012/2013, malgrado gli impegni assunti dal signor Sindaco, di fronte a numerosi testimoni, neanche un euro è arrivato 
Quanto su detto è in qualsiasi momento verificabile - anche se non sarebbe dato ad alcuno tale potere - attraverso le carte contabili della
nostra amministrazione.
Attendiamo, pertanto, con estrema fiducia che, come in altre numerose città che partecipano al nostro girone e cosi come per altre discipline
sportive, ci sia un concreto e fattivo interessamento alle sorti del calcio brindisino, da parte di chi lo deve avere a cuore. É chiaro a tutti, comunque,
Il presidente Antonio Florache non sono sufficienti i sacrifici dei tifosi, che pagano biglietti e abbonamenti, e gli investimenti dei soci della S.s.d. Calcio Città di Brindisi a dare alla città quello che calcisticamente merita. Mi sembra che aldilà di un consunto politichese, il realismo e la concretezza devono essere alla base di qualsiasi avvicinamento e certamente auspicabile collaborazione tra pubblico e privato.nelle casse della società calcistica a titolo di sponsorizzazione.

Ciò nonostante il campionato è stato concluso, a mie esclusive spese, con la salvezza della squadra, sia dal fallimento che dalla retrocessione.
- Nel corso del campionato 2013/2014, grazie all'intervento del signor Sindaco sono state sottoscritte sponsorizzazioni per un totale di Euro 186mila (iva esclusa); di tali contratti sono stati onorati impegni per un totale di Euro 110mila euro. Mentre per la restante parte sono in corso azioni giudiziarie per il recupero delle somme mai pervenute. Pertanto, la somma totale dei "contributi" ha costituito solo il 15 per cento della spesa totale del campionato!

A stretto giro arriva la controreplica di Mimmo Consales, che riportiamo di seguito.

“Ho letto il contenuto delle dichiarazioni rese dal Presidente del Brindisi Calcio Antonio Flora e purtroppo mi convinco sempre di più del fatto che non è un caso che lo stesso signor Flora abbia vissuto e poi bruscamente interrotto i rapporti con tante città in cui ha guidato una squadra di calcio”.
Lo afferma il Sindaco di Brindisi Mimmo Consales.
“Flora afferma - aggiunge il primo cittadino - che io non avrei mantenuto impegni assunti per il campionato 2012/2013. E’ falso, visto che nell’unico incontro avuto fui estremamente chiaro e dissi che i nostri sforzi si sarebbero concretizzati per la stagione successiva. Cosa che è realmente
Il sindaco Mimmo Consalesavvenuta. Tutto questo potrà essere confermato dal signor Enzo Carbonella che mi fece conoscere il signor Flora.
 

Quanto alla stagione 2013/2014 aver fatto giungere nelle casse della società circa 200.000 euro non ha pari in nessuna altra società di questa categoria. Ed è assurdo che il signor Flora imputi al Sindaco il fatto che qualcuno possa aver pagato in ritardo o possa non aver ancora onorato i contratti. A meno che il signor Flora non pensi che un Sindaco debba fare il commesso esattore delle fatture del Brindisi Calcio.
 

Quanto al ‘fattivo interessamento’ del sottoscritto, Flora sa bene che sto facendo per il calcio quello che faccio per il basket e per altre discipline sportive. Con realismo e concretezza. Il politichese, invece, lo lascio ad altri. E non vorrei doverlo sentire proprio a Brindisi sulla bocca del presidente di una squadra di calcio. Come purtroppo è già accaduto spesso nei mesi scorsi”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consales: "Fanuzzi presto agibile". Ma serviranno 700mila euro per il restyling

BrindisiReport è in caricamento