menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Teodoro Contardi

Teodoro Contardi

Consales: «Salveremo la Multiservizi»

BRINDISI - Il sindaco Consales interviene dopo l'articolo di BrindisiReport.it: «Salveremo la Brindisi Multiservizi, ma sui 5 milioni di euro reclamati dalla società, dovrà far luce la magistratura».

BRINDISI - Dopo l'articolo pubblicato questa mattina da BrindisiReport.it, il sindaco Mimmo Consales interviene nuovamente sull'argomento, annunciando che già nei primi giorni di novembre ci sarà un incontro con i sindacati per affrontare l'emergenza Brindisi Multiservizi e valutare insieme le soluzioni alla crisi della società partecipata.

"Oggi non è il momento delle polemiche: siamo tutti impegnati a salvare i posti di lavoro di chi opera all'interno della Multiservizi. Agli interventi già segnalati all'attuale amministratore (taglio immediato di ogni prestazione straordinaria, taglio di tutte le consulenze, taglio di gran parte dei costi telefonici, blocco totale degli affidamenti esterni, blocco di ogni tipologia di assunzioni, dimezzamento del parco macchine, visita medica collegiale per tutti coloro che si sono dichiarati inabili al lavoro, gestione corretta del magazzino, verifica della funzionalità della struttura di controllo, comunicazione giornaliera dell'impiego dei singoli dipendenti), aggiungo la necessità di addivenire in tempi brevissimi alla stipula di un contratto 'global service' capace di ridare flessibilità e slancio manageriale alla società, con una immediata riduzione dei costi del lavoro».

Proprio di questo si discuterò nell'incontro con i rappresentanti delle organizzazioni sindacali, che si terrà nella prima settimana di novembre, con l'obiettivo di arrivare alla stipula del nuovo contratto di lavoro nel giro di pochi giorni.

Quanto alle dichiarazioni dell'ex amministratore unico della Bms, che ha difeso il suo operato, Consales dice: «Al dottor Contardi faccio notare che, a fronte di un taglio degli importi degli affidamenti del 35% (imposto dal commissario prefettizio) non ha fatto seguito un immediato contenimento delle spese ed il blocco degli affidamenti esterni. Anzi! Da quel momento sono proseguiti gli affidamenti ad aziende esterne, sono state fatte nuove assunzioni di personale, sono stati acquistati nuovi mezzi e non c'è stata una sola voce di spesa in diminuzione rispetto al passato. Quanto alle visite mediche collegiali da me richieste, Contardi sa bene che non doveva essere il 'socio politico' ad autorizzarle, ma un preciso dovere di chi aveva in carico l'amministrazione della Multiservizi. Ed invece non mi pare che tutto questo sia accaduto. In relazione ai crediti che la Multiservizi vanta (circa 5 milioni di euro, ndr) e che il dott. Contardi giudica 'crediti certi, liquidi ed esigibili', i dirigenti comunali interessati non sono in alcun modo dello stesso avviso e quindi sarà la Magistratura a fare chiarezza sull'intera partita debitoria-creditoria. Non aggiungo altro, se non che la volontà del sottoscritto è quella di salvare la società ed i posti di lavoro, con il sacrificio di tutti e mettendo da parte polemiche sterili che servono solo ad avvelenare un clima già molto teso».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento