menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il renzismo sempre più lontano dal Sud. Facciamo una Leopolda meridionale

Michele Emiliano non è andato alla Leopolda. Questo “ragazzo”, che leggo sui giornali è afflitto dal fallimento della dieta (l’unica che fa bene è mangiar poco!), ogni tanto ci dà delle soddisfazioni. Personalmente ho sempre diffidato del suo anti-renzismo perché vi ho letto la “gara” invece che la contestazione motivata del modello politico. Tuttavia agli atti c’è che Emiliano resta dov’è e il renzismo unificato si raduna a Firenze

Michele Emiliano non è andato alla Leopolda. Questo “ragazzo”, che leggo sui giornali  è afflitto dal fallimento della dieta (l’unica che fa bene è mangiar poco!), ogni tanto ci dà delle soddisfazioni. Personalmente ho sempre diffidato del suo anti-renzismo perché vi ho letto la “gara” invece che la contestazione motivata del modello politico. Tuttavia agli atti c’è che Emiliano resta dov’è e il renzismo unificato si raduna a Firenze.

Questo renzismo unificato non ha nulla da dire al Sud. Qui occorre fare un piccola premessa anche per rispondere preventivamente, e sinceramente, ad alcune obiezioni.  Il renzismo ha suscitato consenso assai vasti e immediate ripulse. Non ho sposato queste ultime, pur sentendomi estraneo al fenomeno, per cultura ed età. Il renzismo era il frutto acerbo di un albero che era stato lasciato andare a male. Era ovvio che fra i rami macerato venisse fuori qualcosa che avrebbe distrutto la pianta.

La Xylella noi di sinistra ce la siamo fatta in casa. Tuttavia era legittimo pensare che il nuovo frutto, ancorché bruttino, potesse germinare e portare a nuovi arbusti. Così non è stato per le seguenti ragioni e fuori di metafora. Perché il suo progetto –paese era vecchio. Necessarie le lotte contro lacci e lacciuoli, tardo blairiane le ricette. Perché il nuovo gruppo di comando invece di allargarsi si è ritratto, fino  configurare una vera occupazione del potere. Perché lo stesso gruppo si è talmente connotato geograficamente da non poter comprendere né essere compreso da un pezzo importante del paese, il Sud ad esempio.

Oggi siamo di fronte all’auto-celebrazione del renzismo e alla sua più acuta crisi di immagine. Due cose esplosive. Che fanno i suoi oppositori? Vanno alla ricerca di farfalle. La sinistra Pd dove aver per mesi gridato al “golpe” interno sembra essersi d’improvviso tacitata, personaggi come Emiliano, invece, segnalano la loro distanza dal premier ma non offrono alternative , almeno sul piano delle idee.  Non sarebbe male, ad esempio, una convention meridionale che fornisca temi su cui lavorare e sfidare il governo. Una Leopolda meridionale. Chiamiamola Assunta, o Annarella o Teresa, ma facciamola.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bandiera Blu 2021: ecco le migliori spiagge nel Brindisino

Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento