Politica

Nella segreteria provinciale del Pd imbarcati anche i due parlamentari

Il Partito Democratico della provincia di Brindisi continuerà ad essere retto da Maurizio Bruno, che è anche presidente della Provincia e sindaco di Francavilla Fontana, il quale imbarca ora in segreteria anche il senatore ed il deputato del territorio

BRINDISI – Il Partito Democratico della provincia di Brindisi continuerà ad essere retto da Maurizio Bruno, che è anche presidente della Provincia e sindaco di Francavilla Fontana, il quale imbarca ora in segreteria anche il senatore ed il deputato del territorio, Salvatore Tomaselli ed Elisa Mariano.

“Su proposta del segretario provinciale Maurizio Bruno, la segreteria del Pd è stata integrata dalla presenza autorevole dei due parlamentari Salvatore Tomaselli e Elisa Mariano. In particolare – fa sapere una nota della federazione del Pd - al senatore Tomaselli è stato assegnato il ruolo di coordinamento della segreteria. La proposta accolta all’unanimità, ha visto la piena condivisione del presidente della assemblea provinciale Rosetta Fusco che ne ha sottolineato la forte valenza politica, in un momento in cui il Partito è chiamato a serrare le fila e procedere unitariamente per superare le sfide che lo attendono”.

Resta invece aperto e senza alcuna risposta nel merito il problema aperto dalla richiesta di intervento pubblicamente avanzata alla segreteria provinciale, a quella regionale e anche a quella nazionale, sulla situazione del partito in città firmata da 23 iscritti e dirigenti brindisini del Pd, che sollevavano questioni molto urgenti di rapporto con le criticità aperte in città, incluse quelle di inquinamento della vita pubblica e della vita amministrativa, di rapporti con la società locale e di democrazia interna.

In verità Bruno una risposta l’ha data sotto forma di intervista ad una testata locale, ma riducendo tutto (lui sindaco, presidente della Provincia e segretario provinciale) a interessi elettorali personali dei “ribelli”, in vista dell’avvicinarsi delle elezioni regionali. Insomma, se ciò sia più adeguato dell’apertura, invece, di un confronto sul problema sollevato, lo giudicheranno gli iscritti del Pd rimasti, crollati in città da oltre mille a 60 nel giro di un solo anno, e gli elettori brindisini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nella segreteria provinciale del Pd imbarcati anche i due parlamentari

BrindisiReport è in caricamento