Accordo fatto: Bruno bis, Pd con Ncd. Richiamato in vita il Laboratorio

A Francavilla varata la seconda giunta: due assessori ai centristi, Galiano e Ferreri. Entra anche Concetta Somma, ex segretaria Cgil. Sel e Rifondazione: “Traditi i partiti di sinistra”. E su Facebook infiamma la polemica: Attanasi all’attacco con Curto

Maurizio Bruno. Sotto, nell'ordine, Luigi Galiano, Mario Paiano, Concetta Somma, Roberta Lopalco, Ciro Argese e Domenico Lopalco

FRANCAVILLA FONTANA- Il patto c’è: giunta Bruno bis, con Pd ed Ncd insieme a Francavilla Fontana, secondo la formula del Laboratorio, in verità secondo alcuni mai messo in naftalina nella Città degli Imperiali, come del resto a Brindisi, malgrado i risultati tutt’altro che esaltanti. La conferma della riesumazione è arrivata in mattinata con il ritiro delle dimissioni del sindaco Maurizio Bruno che lui stesso, nella lettera dello scorso 5 gennaio, non aveva definito irrevocabili e l’ingresso di tre assessori.

Luigi Galiano, portavoce di Nuovo poloDue dei quali espressione dei centristi di Massimo Ferrarese: Luigi Galiano, titolare delle deleghe alle Attività produttive e al Traffico, e Anna Ferreri, responsabile del Personale e della polizia locale, entrambi espressione di Ncd-Area popolare in aggiunta a Concetta Somma, volto storico della Cgil, chiamata come vice sindaco, alla guida delle Politiche abitative e sociali.

Mario Paiano-2Riparte da qui il primo cittadino che è anche presidente della Provincia nonché segretario provinciale del Partito democratico. Si rimette in moto con una giunta bis che per gli ormai ex alleati, Sel e Rifondazione comunista altro non è, se non è espressione di un tradimento a tutti gli effetti: “Dopo un anno e mezzo di gestazione si concretizza l’accordo”, sostengono Mario Paiano e Domenico Magliola, segretari cittadini di Prc e Sel secondo i quali in questo lasso di tempo, contatti per non dire accordi sarebbero stati assunti fuori dalle stanze di Palazzo degli Imperiali.

Concetta SommaTanto è vero che scrivono di “trame sottobanco” riferendosi all’appello alla responsabilità invocata da Bruno per scongiurare il rischio di commissariamento del Comune prima del ritorno alle urne. La goccia che ha fatto traboccare il vaso già traballante è stata la richiesta di ritiro del bando di gara per i rifiuti, firmata da Rifondazione e Sel. Le dimissioni dell’assessore Roberta Lopalco, titolare dell’Urbanistica e dei Rifiuti, hanno determinato la rottura definitiva: il punto di non ritorno che ha svelato i retroscena del feeling con i centristi nel momento in cui è diventato pubblico che Ncd non gradiva l’impostazione del nuovo piano urbanistico.

Roberta Lopalco-2E l’assessore Lopalco ha lamentato di ricoprire solo un ruolo di forma. Ha salutato e con il sindaco e i dirigenti non è stata affatto tenera. La delega all’Urbanistica è stata assegnata a Tommaso Resta, in aggiunta ai Lavori Pubblici stando alla nota stampa partita dal Palazzo, mentre quella dei rifiuti non essendo stata attribuita a nessuno, dovrebbe essere rimasta nelle mani del sindaco. La conclusione per i due segretari cittadini è una sola: “Questa giunta è un autentico capolavoro, ci sono la figlia del partigiano ed ex esponenti del Msi”.

Ciro Argese-4Ad esultare, ovviamente, è Ciro Argese, segretario provinciale di Area Popolare-Ncd: “L'alleanza strategica tra il nostro partito, Area Popolare-Ncd, e il Pd come al governo nazionale e alla Provincia di Brindisi, è cosa fatta. Non potevamo consentire il ritorno al voto in una città importante come Francavilla Fontana", sostiene prima di dire grazie. A chi? “Un ringraziamento particolare va al coordinatore cittadino Mimmo Bianco e ai consiglieri Giuseppe Cavallo, Oronzo Incalza e al valido giovane Dario Mancino”. 

Bruno, dal canto suo, si dice convinto della scelta fatta: “Si apre una nuova fase dell’azione amministrativa per la realizzazione del programma votato dai cittadini 18 mesi fa. Sarebbe stato difficile accettare la fine di un’esperienza di governo tanto attesa, per dissidi pretestuosi che la comunità non avrebbe compreso”, si legge nella nota stampa.

“Fortunatamente in questi giorni abbiamo incontrato sul nostro cammino donne e uomini dotati di grande senso di responsabilità, disposti a discutere, a confrontarsi accantonando posizioni preconcette e pregiudizi. Con Ap-Ncd è stato possibile trovare un’intesa su quelle che sono le emergenze da affrontare a Francavilla, le priorità, i progetti da sostenere, avviare e portare a termine”.

Domenico AttanasiNeanche il tempo di leggere il testo che su Facebook c’è stata l’insurrezione: la piazza virtuale è stata presa d’assalto con i post. Prima quelli del consigliere comunale Domenico Attanasi, candidato sindaco per la lista Idea, sostenuta dai centristi: “Mettiamola così, in questi 18 mesi Ncd non ha fatto nulla per allontanare da sé il sospetto di avere scientificamente indirizzato una parte dei propri consensi in favore di Bruno e in danno del sottoscritto”.

Bianco ha replicato: “Ncd ti ha sostenuto lealmente”. E quanto al “flusso anomalo, è assolutamente fisiologico in elezione del genere”. Si è fatto sentire anche l’ex senatore Euprepio Curto: “Ne ho viste tante di carognate in politica che non riesco a scandalizzarmi più di nulla, se non di dover assistere a squallide lezioni di etica politica e di moralità pubblica da soggetti il cui cinismo personale è solo pari all’avidità con cui tutelano i loro interessi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quindi il neo assessore: “Domenico, per cortesia, smettila di scrivere tutte queste …”(il termine non è proprio pubblicabile. “Gira pagina, andiamo avanti, per favore chiudiamo in modo dignitoso questo capitolo. Non ti nascondo  che mi dispiace che il mio primo post da assessore riguardi sta fesseria”. Attacchi anche da Brindisi, dove si è fatta sentire la voce del consigliere comunale Riccardo Rossi: “Qui hanno raso al suolo la città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terrore in strada: moglie getta acido addosso al marito, lui è grave

  • Muore soffocato da un pezzo di focaccia

  • "Dacci 50mila euro o ti bruciamo gli ulivi": ma l'imprenditore sporge denuncia

  • Aggredito con l'acido dalla moglie: uomo stabile ma gravissimo

  • Bimbo di 10 anni si accascia in strada: un vigilante gli salva la vita

  • Allarme clima: la provincia di Brindisi è quella che si sta riscaldando di più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento