menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Degrado politico e sociale a Brindisi": tornano i socialisti

Il partito sarà presente alle prossime amministrative con una propria lista: incontri per la coalizione

BRINDISI - Torna il garofano rosso dei socialisti a colorare lo scenario politico di Brindisi città, in vista delle prossime elezioni amministrative: la vecchia guardia dal cuore socialista, assieme alle new entry, hanno deciso che saranno in campo presentando una propria lista. Ma di coalizione, per il momento, non si parla. La segreteria e il coordinamento provinciale di Brindisi socialista sono impegnati - sostengono - ad evidenziare i punti critici da affrontare nel programma elettorale, partendo dal degrado nel quale è precipitata la città. 

"Degrado sociale, politico e amministrativo" si legge nella nota stampa con cui è stata ufficialmente annunciata la presenza dei socialisti, a firma di Nerea Portoghese, per la segreteria provinciale. "E' venuto a mancare un progetto serio e di, conseguenza, nel tempo la situazione si è aggravata". Nei giorni scorsi c'è stato l'incontro della segreteria e del coordinamento: "Si è discusso della sanità e dei guai che sta producendo al già tormentato settore, oggetto di un riordino ospedaliero studiato sulla carta ed entrato da subito in conflitto con i bisogni dei cittadini, soprattutto i meno abbienti, della disoccupazione giovanile, di un sistema di rappresentanza politica locale, e non solo, che negli ultimi anni nulla ha proposto e realizzato per migliorare una situazione così grave e complicata, dal punto di vista economico, di interi settori produttivi vitali", si legge nella nota.

"Con decisione unanime, Brindisi sociaista sarà presente  con suoi candidati alla prossima tornata elettorale perché si è ritenuto opportuno partecipare all’elezione dei futuri rappresentanti della città per dare un contributo di proposte ed idee utili per recuperare, finalmente, dignità e prestigio. Siamo convinti delle grandi potenzialità del territorio e che sia necessaria una guida sicura che riporti all’attenzione della politica che ci rappresenta ai vari livelli istituzionali che Brindisi non è figlia di nessuno, è al contrario, figlia della Puglia e dell’Italia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento