rotate-mobile
Politica Mesagne

Mesagne verso le elezioni: il confronto tra i programmi di Matarrelli e Lotesoriere

I progetti per la città da sviluppare nei prossimi cinque anni. Due idee a confronto in vista della tornata elettorale dell'8 e 9 giugno

MESAGNE - Tra poco meno di venti giorni i mesagnesi saranno impegnati nelle elezioni amministrative per il rinnovo del Consiglio comunale. I cittadini si recheranno alle urne per scegliere il sindaco che dovrà guidare la nuova giunta fino al 2029.  

Due gli schieramenti in campo, quello del primo cittadino uscente Toni Matarrelli e dello "sfidante" Vincenzo Lotesoriere. Mentre quest'ultimo è sostenuto da Fratelli d'Italia, con l'appoggio esterno di Forza italia, Matarrelli può contare su otto liste: "La mia città", "Lista civica Vizzino", "Città solidale e riformista", "Mesagne popolare", "Avanti Mesagne" e "Mesagne al centro". A queste si aggiungono il Partito Democratico, con la collaborazione di Alleanza Verdi e Sinistra, e il Movimento 5 Stelle. 

Le due differenti visioni di città sono confrontabili nei programmi presentati dai candidati alla consegna delle liste. Per entrambi i casi, però, si parte sempre dai passi in avanti fatti da Mesagne nel corso degli ultimi anni. 

Matarrelli: "Avanti, per crescere ancora"

Sono quattordici i punti programmatici espressi dalla coalizione di Toni Matarrelli. Primo focus di interesse è la transizione digitale con l'implementazione dei servizi per cittadini ed imprese nell'ottica di un ulteriore efficientamento della macchina amministrativa. Uno spazio importante è riservato alla gestione del bilancio, evidenziando come sia necessario effettuare controlli sulle entrate patrimoniali ed un'attenta attività di monitoraggio. Il senso è "pagare tutti per pagare meno" fino ad auspicare una graduale diminuzione della tassazione. Ruolo centrale, così come nella passata consiliatura, rivestiranno in caso di vittoria il turismo, nonché le attività di cultura e spettacolo. L'attuazione del progetto "Eurovelo 5" consentirà di collegare il centro storico con l'area archeologica di Muro Tenente attraverso una pista ciclabile. Il progetto rientra in un quadro più ampio, nell'ambito della tutela ambientale e dello sviluppo urbanistico di cui dovrebbe beneficiare anche la zona Pip. E per implementare le iniziative di valorizzazione del centro storico è prevista anche l'apertura di uno specifico ufficio in Piazza Commestibili. Nel programma di Matarrelli si evince la necessità di riaffermare la vocazione agricola e, più in generale, produttiva del territorio: l'idea è quella di partire dalla vitivinicoltura. Oltre mille ettari nell'agro di Mesagne, rientranti nella zona Doc Brindisi, potrebbero essere utilizzati per creare un marchio nel settore del turismo enologico. Sul solco di quanto già proposto negli ultimi cinque anni, si agirebbe nel campo delle politiche sociali, giovanili, del benessere animale e dello sport. Proseguiranno, nel caso di conferma del sindaco, i lavori urbanistici e gli eventi di intrattenimento nelle periferie, parti di città da riqualificare. 

Lotesoriere: "Dalla coerenza politica alle idee per la città"

Per prima cosa, il gruppo di Lotesoriere considera di fondamentale importanza la ripresa dell’agricoltura e la tutela della specificità attraverso l’attivazione dei mercati diffusi a chilometro zero e della filiera corta. L'idea di Fratelli d'Italia Mesagne è quella di recuperare i terreni attualmente utilizzati per il fotovoltaico, convertendo lo stesso in agri-voltaico. Una misura necessaria per ridurre il rischio di desertificazione del territorio. Mesagne, inoltre, deve proporsi come meta turistica attraverso le peculiarità del territorio. È necessario, quindi, valorizzare non solo Muro Tenente ma anche Muro Maurizio e le terme romane di Malvindi. Inoltre, nel programma del candidato di centrodestra si evidenzia come la promozione dell’agriturismo sarebbe capace di stimolare la creazione di una rete museale provinciale. Tra le altre idee, spiccano la rimodulazione della mobilità urbana in senso ecosostenibile ed il potenziamento del piano parcheggi. E poi ancora la tutela delle famiglie con figli minori, dei disabili e degli anziani. A queste si aggiungono l'implementazione delle misure in supporto alla denatalità, il controllo della qualità della mensa scolastica, la manutenzione degli edifici scolastici e delle palestre annesse. La visione di città passa anche per la trasformazione del Adi in modo da renderla attiva 24 ore su 24. Gli anziani devono recuperare un ruolo cardine nella società, tanto da fungere come modello e aiuto per la crescita di ragazzi e ragazze. In caso di vittoria, la giunta di Lotesoriere organizzerebbe degli incontri di arricchimento personale tra giovani e meno giovani. Concludono l'essenza del programma la rimodulazione della Tari e l'approvazione del Pug. 

Rimani aggiornato sulle notizie dalla tua provincia iscrivendoti al nostro canale whatsapp: clicca qui

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mesagne verso le elezioni: il confronto tra i programmi di Matarrelli e Lotesoriere

BrindisiReport è in caricamento