Politica

Niente mercato settimanale del sabato, opposizione all'attacco

Chiara Saracino e Giuseppe Margheriti contro il sindaco: si lamentano delle tempistiche e delle modalità dell'ordinanza: "Danneggiati i commercianti"

ERCHIE - L'opposizione polemizza con l'Amministrazione. Oggetto del contendere: il mancato via libera al mercato settimanale a Erchie, che si sarebbe dovuto svolgere oggi, sabato 2 gennaio 2021. L'ultimo decreto legge, che definisce le "zone rosse", dispone che in tali giorni non è consentito svolgere il mercato settimanale per i commercianti di generi non alimentari, salvi, invece, quelli di generi alimentari così come previsto per gli esercizi di vicinato. Il sindaco di Erchie, Pasquale Nicolì, non ha fatto svolgere il mercato né il 26 dicembre, né il 2 gennaio. Il gruppo consiliare di opposizione Avanti Insieme, rappresentato da Chiara Saracino e Giuseppe Margheriti, non ci sta e attacca la maggioranza.

"Tutte le amministrazioni della provincia di Brindisi - scrivono i consiglieri di opposizione in una nota - in cui si svolge il mercato settimanale nei suddetti giorni - Ostuni, Ceglie Messapica, Francavilla Fontana e San Pietro Vernotico - hanno disposto regolarmente lo svolgimento del mercato ai sensi del Dpcm, ad eccezione del Comune di Erchie. Il sindaco di Erchie ha pensato bene di far distinguere la propria Amministrazione rispetto alle altre con un'ordinanza emessa il 31/12/2020 alle 13. L'Amministrazione di Erchie si è distinta sicuramente, negando ai cittadini un servizio e danneggiando i commercianti ambulati alimentari che frequentano il mercato di Erchie. Il commercio ambulante viene bistrattato ancora una volta da chi i problemi che incombono sulla categoria non li conosce e, peggio ancora, li ignora se vengono sottoposti alla loro attenzione".

Poi proseguono, contestando le modalità e le tempistiche della scelta: "La prima ordinanza emessa dal sindaco era solo relativa al 26/12/2020, pertanto, si è dato per scontato che il 2/1/2021 ci sarebbe stato il mercato. Sulla linea di tale convinzione e considerato che nessun fornitore grossista fosse aperto il giorno di Capodanno, tutti gli operatori di generi alimentari si sono riforniti di merce il giovedì pomeriggio per affrontare il mercato del sabato 02/01/2021. Da qui è possibile rilevare l’assoluta mancanza di rispetto del sindaco di Erchie nei confronti dei cittadini e soprattutto per il lavoro altrui. Fino alla mattinata di giovedì 31/12/2020 tutto tace. Alle 13, il sindaco di Erchie partorisce il suo ultimo capolavoro dell’anno 2020, disponendo l’ordinanza per la soppressione del mercato settimanale. Nel pomeriggio vengono inviate le Pec agli operatori del settore per notiziarli di tale obbrobrio. Intorno a loro c'è solo sgomento perché non sanno come collocare e rientrare nelle spese per l’acquisto di tanta merce deperibile; tanti di loro sono produttori primari costretti a regalare o buttare il raccolto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente mercato settimanale del sabato, opposizione all'attacco

BrindisiReport è in caricamento