rotate-mobile
Politica

Ferrarese "sì” a Monti. Il web insorge

BRINDISI - Da quando si è dimesso da presidente della Provincia, Massimo Ferrarese ha tentato di restare in contatto con i suoi ammiratori soprattutto via Facebook. Ed è sul social network più seguito che ieri sera ha "annunciato” ai suoi il sì di Monti: «È fatta. Monti è il leader della nostra grande coalizione di centro. Sono pronto a continuare questa grande partita per la mia terra». Ma al solo leggere il nome Monti, è accaduto qualcosa di imprevisto: in tanti hanno manifestato di non gradire. Forse Ferrarese si attendeva la solita valanga di commenti entusiasti e di elogi. Questa volta invece non è stato così.

BRINDISI - Da quando si è dimesso da presidente della Provincia, Massimo Ferrarese ha tentato di restare in contatto con i suoi ammiratori soprattutto via Facebook. Ed è proprio sul social network più seguito che ieri sera ha "annunciato? ai suoi il sì di Monti: «È fatta. Monti è il leader della nostra grande coalizione di centro. Sono pronto a continuare questa grande partita per la mia terra». Ma al solo leggere il nome Monti, è accaduto qualcosa di imprevisto: in tanti hanno manifestato di non gradire. Forse Ferrarese si attendeva la solita valanga di commenti entusiasti e di elogi. Questa volta invece non è stato così. Ed ha raccolto mugugni anche tra quanti lo stimano.

«Monti!!! Certo ci son rimaste solo le mutande, che si prenda anche quelle», ha scritto Francesco Leo, seguito a ruota da Giovanni D'Apolito: «Sei con Monti, Ferrarese, sei con colui che ci ha tolto anche le mutande. Vattene a casa». «Votando Monti diventiamo provincia di Lecce», ha aggiunto Valerio Valeriano, ricordando il famoso decreto cancella-Provincia che fu alla base delle dimissioni del presidente. Chiara Librale è telegrafica: «Peccato, la stimavo come persona». Maria Di Benedetto, invece, è catastrofica: «Ora deve spiegarmi perchè è così felice di avere Monti! La gente come lui ha smembrato questa nazione e voi lo sostenete? Pessima scelta! Direi una scelta criminale che porterà noi poveri, non voi, alla schiavitù». L'ex presidente del Brindisi Calcio, Roberto Quarta, si permette di dare un cosniglio: «Presidente, con tutta onestà? Credo che per Lei sia un danno».

I post con commenti favorevoli sono rarissimi. Laura Vitali, dopo aver premesso che «continuerò a stimarla come persona», avverte: «Mi dispiace ma sono politicamente delusa, Monti è la rovina del nostro paese». Antonello D'Amico ringrazia sarcasticamente: «Grazie signor Ferrarese, mi ha dato un ulteriore motivo per non andare a votare». Antony Capozziello elogia: «Bravo sig. Ferrarese, ti sei alleato con la persona che vuole distruggere tutto. Un buon motivo per non andare a votare». Ivano Micaletto evidenzia un paradosso: «Fino a qualche giorno fa Lei criticava Monti e il suo operato, adesso addirittura ne esalta l'Agenda». Maria Di Benedetto lancia un Sos: «Alleati con Monti?! Aiuto». Antonella Colono è sconcertata: «Non ci posso credere... alleati con Monti... poveri noi...». Adolfo Labarca dimostra di non essere un grande sostenitore dell'ex presidente: «È la volta buona che Ferrarese torna a fare prefabbricati».

Sembra un tracollo. Ma per fortuna arriva qualche commento positivo: «Presidente, pronto a sostenerla anche in questa nuova esperienza, dopo le innumerevoli vittorie locali è giunto il momento di cambiare l'Italia», scrive Antimo Tateo.

Chissà se Ferrarese è davvero contento di far parte della squadra di Monti. Comunque, da ieri sera, non ha più scritto di Monti su Facebook.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrarese "sì” a Monti. Il web insorge

BrindisiReport è in caricamento