Politica Ceglie Messapica

Forza Italia, Vitali: "Illegittimo il congresso convocato da Ciracì"

Proseguono le schermaglie fra il deputato Nicola Ciracì e il senatore Luigi Vitali in vista delle elezioni amministrative di Ceglie Messapica. Il primo, espressione dell'anima fittiana del partito, sostiene il candidato Angelo Maria Perrino. Il secondo, nominato da Silvio Berlusconi commissario regionale di Forza Italia, ha dato il suo appoggio al sindaco uscente Luigi Caroli

CEGLIE MESSAPICA – Proseguono le schermaglie fra il deputato Nicola Ciracì e il senatore Luigi Vitali in vista delle elezioni amministrative di Ceglie Messapica. Il primo, espressione dell’anima fittiana del partito, sostiene il candidato Angelo Maria Perrino. Il secondo, nominato da Silvio Berlusconi commissario regionale di Forza Italia, ha dato il suo appoggio al sindaco uscente Luigi Caroli, nell’ottica dell’alleanza stretta anche a livello regionale con Ncd.

Stamani, Luigi Vitali, con una nota stampa, ha definito illegittima l’autoconvocazione di un congresso cittadino di Forza Italia annunciata ieri (23 marzo) da Ciracì, ufficializzando contestualmente la nomina del senatore Pietro Iurlaro, già commissario provinciale, al ruolo di commissario cittadino. 

“L’autoconvocazione dell’assemblea cittadina di Forza Italia a Ceglie Messapica  - dichiara Vitali - altro non è che l’ennesima farsa messa in scena dall’onorevole Nicola Ciracì il quale, dopo aver duramente attaccato il presidente Silvio Berlusconi (non solo sulla stampa), in perfetta sintonia col suo suo dante causa, cerca ora di far compiere un ulteriore passo in avanti al progetto di distruzione di Forza Italia”. 

“Come ho già ribadito in precedenti occasioni – prosegue Vitali - il partito non può più essere considerato proprietà privata di alcuni, e vive finalmente nel rispetto delle regole. E queste regole stabiliscono che i congressi cittadini e provinciali sono convocati sulla base del calendario autorizzato dal segretario regionale. Nel mio caso preannuncio quindi che i congressi di Forza Italia in Puglia si terranno dopo il turno elettorale delle regionali”.

“Non solo. Ai sensi dell’articolo 33 bis comma 5 dello statuto – afferma ancora Vitali – ‘l’assemblea comunale è convocata, inoltre, ogni volta lo richieda almeno il 50 percento degli aventi diritto al voto’. Allo stato però non esiste per Ceglie Messapica un elenco ratificato di iscritti, né la prova della richiesta effettuata dal 50 percento degli aderenti. In pari data, al fine di mettere ordine, ho nominato commissario cittadino di Forza Italia a Ceglie Messapica il senatore Pietro Iurlaro, lì residente”.

La replica di Ciracì non si è fatta attendere. “Vitali  - scrive il deputato in una nota stampa - continua ad  abusare di poteri che non ha ,visto che lo Nicola CiracìStatuto di Forza Italia prevede all'art. 58 che l'unico organismo deputato a commissariare gli organi periferici elettivi è il Comitato di Presidenza. Pertanto i commissariamenti dei coordinamenti cittadini di Forza Italia di Ceglie Messapica, Martina Franca e Corato sono da considerarsi carta straccia . Mi vedo costretto a ribadire l'assoluta validità dell’autoconvocazione del congresso cittadino di Ceglie Messapica da parte del 100 per cento degli iscritti e da tutti i consiglieri comunali visto che è stato regolarmente convocato con prova certa e su elenchi di iscritti forniti direttamente dagli uffici nazionali” . (Nella foto a destra, Nicola Ciracì)

“Rammenti Vitali – conclude Ciracì - che c’è sempre un giudice a Berlino che annulla i soprusi. Ometto di ripetere , per una questione di stile, le considerazioni del Vitali sul Presidente Berlusconi dopo che lo stesso non lo ha ricandidato e stendo su di lui un velo pietoso visto che ha ridotto l'impegno politico a vendetta personale”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forza Italia, Vitali: "Illegittimo il congresso convocato da Ciracì"

BrindisiReport è in caricamento